Mondo

Murdoch caccia Roger Ailes, il ceo di Fox News accusato di molestie

media usa

Murdoch caccia Roger Ailes, il ceo di Fox News accusato di molestie

CLEVELAND - Un altro grande dramma mediatico nell'universo conservatore americano si è consumato lontano dall'Ohio e dalla Quicken Loans Arena. La cacciata del 76enne Roger Ailes, il creatore e per vent'anni l'anima della Fox News, il canale di informazione via cavo “militante” con la quale l'impero newyorchese di Rupert Murdoch ha per anni scosso e sovente surclassato i tradizionali re delle notizie televisive.

Murdoch in persona prenderà le redini del network come presidente e amministratore delegato a interim.

Ailes - e i rating delle sue attività sul piccolo schermo - hanno tradizionalmente brillato proprio durante la Convention repubblicana. Questa volta, nel giorno in cui parla il candidato alla presidenza Donald Trump, lui è invece uscito di scena in sordina. E all'ombra di uno pesante scandalo: è stato perseguitato da una pioggia di accuse di molestie sessuali e e abusi sul posto di lavoro. Ha cominciato una denuncia dell'ex anchorwoman di Fox Gretchen Carlson, che ha accusato Ailes di averla licenziata dopo che lei aveva respinto le sue avance. Un'altra mezza dozzina di donne ha poi riportato “esperienze” con il top executive. Infine è venuto alla luce che anche l'attuale stella del canale, Megyn Kelly, era stata importunata una decina di anni or sono.

“Il creatore e per vent'anni l'anima della Fox News è stato perseguitato da una pioggia di accuse di molestie sessuali e e abusi sul posto di lavoro”

 

Il negoziato per la sua buonuscita è stato rapido e dietro le quinte. Non per questo meno significativo: Ailes ha inventato in America un modo partigiano di fare televisione che ha fatto scuola. E non per questo l'operazione è stata meno cara: la casa madre, oggi ribattezzata 21st Century Fox, secondo indiscrezioni dovrà versare a Ailes circa 40 e forse 60 milioni di dollari, compreso un prezioso contratto di consulenza.

Murdoch ha fatto buon viso a cattivo gioco. «Roger Ailes ha dato un incredibile contributo alla nostra azienda e al Paese - ha detto in un comunicato - Roger ha condiviso la mia visione di una grande e indipendente organizzazione televisiva e l'ha messa in pratica brillantemente nell'arco di un ventennio».

La carriera di Ailes, che prese le mosse proprio a Cleveland, ha attraversato sia i media che la politica. Prima di approdare a Fox è stato consulente di numerosi presidenti repubblicani, da Richard Nixon a Ronald Reagan e a George H. Bush, del quale guidò di fatto la campagna vittoriosa. Nel 1996 diventò chief executive e fondatore di Fox News.

© Riproduzione riservata