Mondo

Conti offshore alle Bahamas, spunta ex commissaria Ue Kroes

dati su 175mila società

Conti offshore alle Bahamas, spunta ex commissaria Ue Kroes

Quando Al Capone fu arrestato per evasione fiscale nel 1931, il suo socio d'affari Meyer Lansky volò nelle Bahamas per riciclare il denaro della mafia. Da allora quelle 700 isolette a est della Florida non hanno mai smesso di essere una lavanderia di soldi sporchi. Denaro criminale ed evasione fiscale, un cocktail che fa delle Bahamas uno dei centri offshore più segreti del globo. Ma uno squarcio sul mondo opaco di Nassau si apre adesso grazie a una nuova fuga di notizie.

A pochi mesi dallo scandalo dei Panama Papers, infatti, i giornali aderenti al Consorzio internazionale giornalisti investigativi (per l'Italia il settimanale L'Espresso) hanno iniziato a pubblicare migliaia di nomi di società offshore e di presunti evasori fiscali che hanno scelto le placide spiagge di Nassau come punto di approdo dei loro soldi.

Da Panama alle Bahamas, ecco dunque sotto gli occhi di tutti un nuovo paradiso fiscale ma con gli ingredienti di sempre: politici, finanzieri, banchieri, imprenditori e professionisti - anche italiani - che mescolano le proprie ricchezze con quelle di mafiosi, trafficanti e criminali. Tutti insieme appassionatamente.

Coinvolte 175mila società offshore
Questa volta a essere svelate sono oltre 175mila società registrate nell'arcipelago dal 1990 al 2016. E con loro anche i nomi dei beneficiari economici, degli amministratori e degli intermediari attraverso i quali sono state costruite architetture societarie che hanno un unico obiettivo: nascondere le identità dei veri proprietari e sottrarre le loro ricchezze agli occhi del fisco. I documenti che si possono consultare sul sito del Consorzio internazionale giornalisti investigativi sono stati consegnati - come già era accaduto per i Panama Papers - da una fonte ignota al quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung, che li ha messi a disposizione del consorzio Icij.

Anche per questo nuovo affaire internazionale, ribattezzato Bahamas Leaks, è opportuno specificare che costituire una società offshore ed essere beneficiari di ricchezze nei paradisi fiscali non costituisce un reato se l'operazione viene comunicata al fisco. Bisogna presumere, dunque, che fino a prova contraria gli individui i cui nomi sono contenuti nei documenti trafugati non sono evasori fiscali. Saranno le eventuali indagini successive ad appurarlo.

Nella lista l'ex commissario Ue, Neelie Kroes
Il nome finora più sorprendente emerso dal materiale sottratto a Nassau è quello dell'ex commissario europeo alla Concorrenza, Neelie Kroes, che ha ricoperto l'incarico a Bruxelles dal 2004 al 2010 per poi diventare responsabile dell'Agenda digitale fino al 2014. Conosciuta per la sua inflessibilità, la Kroes è stata amministratrice dal luglio 2000 all'ottobre 2009 della Mint Holdings Ltd, società tuttora attiva. Ai giornalisti dell'Icij, l'avvocato dell'ex commissario Ue ha spiegato che la Kroes non ha mai rivelato l'esistenza della società perchè questa non è mai stata attiva: avrebbe dovuto rilevare alcuni asset della Enron ma poi nel 2001 il gruppo energetico americano era fallito e l'affare non è mai stato concluso.

Regnanti, cleptocrati e yachts
I Bahamas Leaks svelano l'esistenza di numerose società appartenenti a emiri, principi, uomini d'affari e politici di mezzo mondo. Il figlio dell'ex dittatore cileno Augusto Pinochet, ad esempio, avrebbe utilizzato una società delle Bahamas, la Meritor Investments Limited, per spostare 1,3 milioni di dollari di suo padre. Naturalmente Marco Antonio Pinochet ha bollato come una «menzogna» la notizia e ha sottolineato di non aver compiuto nulla di illegale. Lo stesso ex dittatore cileno che nel 1973 aveva deposto Salvador Allende con un colpo di Stato possedeva una sua società, la Ashburton Company Limited, registrata nel 1996.

Tra i nomi dei Bahamas Leaks compare anche Abba Abacha, il figlio dell'ex presidente nigeriano Sani Abacha, l’uomo che avrebbe sottratto 3 miliardi di dollari dalle casse della Nigeria. C'è poi lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, ex primo ministro del Qatar, che possiede la Trick One Limited. Nel gennaio 2005, mentre era ministro degli Esteri, la sua società ha ottenuto un prestito di 53 milioni di dollari fornendo come garanzia uno yacht di 130 metri dal valore di 300 milioni.

Secondo i giornalisti dell'Icij le società offshore di Nassau avrebbero giocato un ruolo importante anche in operazioni che riguarderebbero ex uomini politici di Grecia, Ucraina, Kuwait e Trinidad e Tobago e il pagamento di tangenti al governo iracheno di Saddam Hussein durante il programma dell'Onu “Oil for Food”.

Uno storico snodo nei centri offshore
Le Bahamas sono uno snodo importante nel sistema dei centri finanziari offshore e sono utilizzate soprattutto per nascondere le ricchezze provenienti dagli Stati Uniti e dall'America latina. Non è un caso che, fin dagli anni ’70, gli uomini del fisco americano abbiano compiuto diverse operazioni di intelligence per incastrare evasori fiscali statunitensi. I documenti pubblicati dai giornali aderenti al Icij dimostrano adesso che - come era accaduto anche per i Panama Papers - il mondo dei paradisi fiscali non ha confini e attira soldi da ogni dove.

Anche questa volta nei documenti trafugati compare il nome dello studio legale panamense Mossack Fonseca, che a Nassau ha registrato 14.900 società offshore. Ma tra gli oltre 500 intermediari che hanno contribuito a portare fondi nell'arcipelago caraibico ci sono anche Ubs, attraverso la Ubs Tustees Limited, che ha registrato quasi 10mila società, e il Credit Suisse, con il Credit Suisse Trust Limited, che ne ha domiciliate oltre ottomila.

© Riproduzione riservata