Mondo

Mosca e New Delhi rafforzano i legami nella difesa e nell’energia

IL VERTICE DEI BRICS

Mosca e New Delhi rafforzano i legami nella difesa e nell’energia

Il premier indiano Narendra Modi riceve il presidente russo Vladimir Putin a Benaulim (Goa)
Il premier indiano Narendra Modi riceve il presidente russo Vladimir Putin a Benaulim (Goa)

Accordi nella difesa e nell’energia, investimenti infrastrutturali e ostentazioni di amicizia: l’ottavo vertice dei Brics in corso a Goa (Benaulim), in India, fotografa il riavvicinamento tra New Delhi e Mosca, in un contesto di alleanze sempre più fluide, disegnate e ridisegnate nello spazio di mesi, sul filo dei delicati - e a volte ambigui -equilibri della geopolitica.

Al termine di un incontro durato due ore, Narendra Modi e Vladimir Putin hanno annunciato, ieri, una serie di ricche e impegnative intese in campo militare. Per cominciare, l’India acquisterà batterie di missili anti-aerei S-400, uno dei fiori all’occhiello dell’arsenale russo, gli stessi acquistati dalla Cina. Nel piatto c’è anche la produzione in joint-venture di almeno 200 elicotteri Ka-226T e di quattro fregate stealth per la marina indiana. Secondo l’emittente indiana Ndtv, l’accordo sui missili S-400 vale 5,8 miliardi di dollari, quello sugli elicotteri un miliardo (cifre non confermate ufficialmente). Nei prossimi mesi, i due Paesi organizzeranno una conferenza congiunta dedicata alla cooperazione militare.

Sul versante energetico, l’altro fronte sul quale la Russia conta per stringere alleanze strategiche, il gigante petrolifero di Stato Rosneft, insieme all’olandese Trafigura group e al fondo d’investimento russo United capital Partners, acquisterà il 98% dell’indiana Essar Oil, con un’operazione da circa 12,9 miliardi di dollari. Secondo i dati Thomson-Reuters, sarebbe la più grande acquisizione straniera in India e al tempo stesso la più costosa mai realizzata dalla Russia all’estero. L’operazione fa seguito a una serie di recenti investimenti indiani in Russia per 5,5 miliardi di dollari, come ha ricordato il premier Modi. Putin ha allargato il campo alla coopereazione nucleare, affermando che la Russia costruirà 12 reattori in India nei prossimi 20 anni.

I due Paesi si sono anche accordati per la creazione di un fondo per investimenti infrastrutturali in India, dotato di un miliardo di dollari. E Putin ha apertamente appoggiato la vecchia richiesta indiana di diventare membro permanente del Consiglio di sicurezza Onu. «I patti siglati - ha affermato Modi - stabiliscono la speciale e privilegiata natura della nostra amicizia». Già a dicembre, ha rilanciato Putin, potrebbero partire i negoziati per la creazione di una zona di libero scambio fra India e Russia.

Tra il 2011 e il 2015, il 40% dell’export di armi della Russia è finito nel Subcontinente, uno dei maggiori importatori al mondo. Il legame tra i due Paesi affonda le radici nella Guerra fredda e circa il 70% dell’apparato militare indiano è di produzione sovietica prima e russa poi. New Delhi sta appunto cercando di modernizzarlo, anche per stare al passo con la Cina, con uno stanziamento pari a 100 miliardi di dollari e allargando la cerchia dei fornitori a Francia, Israele e Stati Uniti. Il mese scorso ha siglato un contratto per l’acquisto dalla Francia di 36 caccia Rafale (8,7 miliardi di dollari) e negli ultimi anni ha stretto una sempre più importante collaborazione con gli Usa, tanto da farne uno dei suoi primi fornitori militari. Modi e Obama si sono incontrati otto volte.

Al contrario, solo poche settimane fa, la Russia, per la prima volta nella storia, ha effettuato operazioni militari congiunte con l’eterna nemesi dell’India, quel Pakistan che fino a non molto tempo fa era un fidato alleato di Washington. I giochi di guerra russo-pakistani hanno fatto scattare l’allarme a New Delhi, già preoccupata dalla fornitura di elicotteri russi da combattimento Mi-35 all’esercito di Islamabad. Segnali lanciati a New Delhi dal Cremlino, per niente soddisfatto dell’intesa tra India e Stati Uniti. In questo contesto, l’abbraccio di Modi al «vecchio amico» Putin suona come il tentativo di rassicurare il Cremlino insinuare un cuneo nei rapporti tra Mosca e Islamabad, in una fase di riacutizzate tensioni tra India e Pakistan sul Kashmir. New Delhi accusa il vicino Stato islamico di dare rifugio a organizzazioni terroristiche e solo qualche giorno fa lo ha additato davanti alle Nazioni Unite come la più grave minaccia alla pace mondiale. È proprio per isolarlo diplomaticamente, che Modi a Goa sta cercando di convincere gli altri soci del club dei Brics (Russia, Cina, Brasile e Sudafrica) ad associarsi nella condanna del terrorismo internazionale. «La chiara richiesta della Russia di combattere il terrorismo internazionale rispecchia la nostra posizione», ha affermato Modi, ora pronto a schierarsi dalla parte di Putin anche su Afghanistan e Medio Oriente.

© Riproduzione riservata