Mondo

L’imperatore del Giappone abdicherà nel 2018

America e Asia24

L’imperatore del Giappone abdicherà nel 2018

L'imperatore del Giappone abdicherà nel 2018, nel trentesimo anno del suo regno. Lo hanno indicato oggi fonti del governo Abe, che sta cominciando a predisporre il disegno di legge necessario a consentire l'abdicazione di Akihito, 82 anni, che lo scorso 8 agosto ha espresso in un discorso teletrasmesso il desidero di lasciare la carica citando in particolare ragioni di età avanzata. Sarà la prima abdicazione imperiale in Giappone da circa 200 anni.

Le fonti citate dall'agenzia Kyodo indicano che il governo giapponese intende presentare all'approvazione delle Dieta la legislazione di modifica dell'attuale normativa (che non contempla il caso di abdicazione) durante la sessione parlamentare ordinaria dell'anno prossimo.

Una commissione consultiva di sei membri nominata dall'esecutivo ha cominciato i suoi lavori lunedì scorso. Ma il percorso appare già segnato: il governo intende varare norme applicabili solo a questo imperatore, evitando una riforma più articolata che potrebbe aprire la strada a questioni controverse e tabù per la destra nazionalista (come ad esempio, la possibilità di una successione imperiale per linea femminile).

Nel 2018, dunque, il trono del Crisantemo dovrebbe passare al figlio maggiore di Akihito, il principe Naruhito (classe 1960), marito della principessa Masako e padre di Aiko (nata nel 2001). Il secondo in linea di successione è il principe Fumihito (classe 1965), marito della principessa Kiko con cui ha generato Hisahito nel 2006. Sul solo piccolo Hisahito grava la pesante responsabilità della continuità della linea imperiale secondo la normativa attuale.

© Riproduzione riservata