Mondo

Il premier Trudeau: Ue forte è un vantaggio per il mondo

dopo accordo ue-canada

Il premier Trudeau: Ue forte è un vantaggio per il mondo

  • – di Redazione Online
Il premier canadese Justin Trudeau con presidente dell’Europaralemento Antonio Tajani
Il premier canadese Justin Trudeau con presidente dell’Europaralemento Antonio Tajani

«L'Unione europea è un risultato incredibile, un modello senza precedenti di pace e cooperazione. Assieme, i vostri Stati membri sono vitali per far fronte a sfide della comunità internazionale. Il mondo trae vantaggio da un'Unione europea forte». Così il premier canadese Justin Trudeau in plenaria al Parlamento europeo riunito oggi a Strasburgo all’indomani del via libera all’accordo commerciale Ue-Canada.

Se l'accordo commerciale tra Canada e Ue (Ceta) avrà successo «diventerà la traccia da seguire in questo campo, altrimenti sarà l'ultimo accordo di
questo genere» dice Trudeau in plenaria al Parlamento europeo. «Adesso dobbiamo fare si che funzioni».

Conferenza stampa del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e del Primo ministro canadese Justin Trudeau

Trudeau arriva a Strasburgo il giorno dopo il j’accuse dell’ambasciatore designato da Trump presso la Ue, Ted Malloch, che ha ribadito le sue opposte idee: «L’Ue è antidemocratica e antiamericana».

La sponda che Bruxelles trova nel Canada di Trudeau diventa quindi importante sia dal punto di vista politico sia da quello commerciale, le due cose sono difficili da scindere ovviamente.

L’incontro con Trump
Trudeau ha appena incontrato Trump: «Nella mia conversazione con il presidente Trump ci siamo concentrati su cosa fare per la classe media», dice perché non è sua intenzione né suo interesse scontrarsi con il vicino di casa.

A Washington e a Strasburgo, Trudeau spiega di avere portato «lo stesso
messaggio: lavorare per creare opportunità per la classe media,
rispondere all'ansia non per fare più paura alla gente ma con accordi concreti che creino nuovi posti di lavoro».

Solo che secondo Trudeau questo benessere passa attraverso accordi commerciali con la Ue e non solo, una strategia molto diversa dai neoprotezionismi sventolati da Trump.

© Riproduzione riservata