Mondo

Bayrou non corre e si allea con Macron. Indagata capo di gabinetto di…

verso l’eliseo

Bayrou non corre e si allea con Macron. Indagata capo di gabinetto di Marine Le Pen

Emmanuel Macron e Franois Bayrou (Afp)
Emmanuel Macron e Franois Bayrou (Afp)

PARIGI - DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
Ennesimo colpo di scena in una campagna presidenziale francese che ha gi riservato tante sorprese. Il leader centrista Franois Bayrou – sostenitore di Alain Jupp alle primarie del centro-destra e, dopo la vittoria di Franois Fillon, apparentemente intenzionato a candidarsi per la quarta volta all'Eliseo- ha deciso di fare un passo indietro e di proporre un'alleanza elettorale all'ex ministro dell'Economia Emmanuel Macron, l'outsider diventato in pochi mesi la star del post-partitismo. . Che l'ha immediatamente accettata, parlando di svolta nella campagna elettorale.

L'annuncio del sessantacinquenne Bayrou doppiamente importante. D'un lato perch evita l'ulteriore affollamento di una campagna gi molto confusa. Dall'altro perch destinato a rafforzare Macron proprio nel momento in cui quest'ultimo si trova in difficolt, raggiunto nei sondaggi da un Fillon in recupero. Non si tratta solo dei punti percentuali che le rilevazioni gli attribuiscono (intorno al 6%) e che pu Bayrou pu portare in dote al candidato indipendente ma dell'autorevolezza incarnata dal presidente del partito centrista Modem.

Francia, Emmanuel Macron il gran seduttore promesso all'Eliseo

Stando a quello che lui stesso ha spiegato poco fa in conferenza stampa, a spingere Bayrou stata la constatazione di una situazione eccezionale e particolarmente pericolosa, con la prospettiva che una dispersione dei voti aggravi il rischio di una vittoria dell'estrema destra, che rappresenterebbe un disastro per la Francia e la distruzione dell'Europa. A maggior ragione quando Marine Le Pen continua a rafforzarsi, nonostante le inchieste che la riguardano. Come quella sul presunto lavoro fittizio al Parlamento europeo del suo bodygard e della sua capa di gabinetto, che proprio ieri stata incriminata.

Ovviamente sulla scelta ha pesato l'indignazione per la vicenda del presunto lavoro fittizio della moglie di Fillon. E pi ancora le reazioni dei dirigenti della destra. L'accettazione pressoch unanime degli abusi commessi – ha detto Bayrou – crea immensi problemi morali. La linea adottata stata quella di dire che “cos fan tutti”. Non vero. Si tratta di una posizione infamante per tutti quelli che lavorano onestamente nella politica. E sono tanti.

Perch l'alleanza si concretizzi, Bayrou ha posto quattro condizioni: che Macron ribadisca formalmente e solennemente l'impegno a realizzare una vera alternanza, un reale rinnovamento radicale della politica; che nel programma che il leader del movimento “En Marche!” presenter il 2 marzo venga data priorit a una legge di moralizzazione della vita pubblica, che spazzi via i conflitti di interessi ed eriga un muro tra affari e politica; che ci siano misure di protezione delle fasce sociali pi deboli; che, infine, ci sia l'obiettivo di una riforma elettorale in senso proporzionale che dia una giusta rappresentanza a due terzi dei francesi. Un riferimento, quest'ultimo, proprio ai centristi ma anche al Front National, che pur essendo di fatto il principale partito del Paese, non pu contare che su uno sparuto drappello di parlamentari.

Pochi minuti pi tardi, Macron ha appunto espresso la disponibilit ad accogliere le condizioni di Bayrou. Quindi la proposta di alleanza. Che rafforza il proprio status di sfidante della Le Pen al ballottaggio del 7 maggio. Con alte probabilit di vittoria.

Negli ultimi 50 anni – ha sottolineato Bayrou – la democrazia francese non si mai trovata in una situazione cos difficile. Chiss che da questo momento drammatico non possa uscire vincente il progetto di un asse che vada dalla destra repubblicana alla sinistra riformista per affrontare la gravit dei problemi del Paese.

I mercati hanno evidentemente, e immediatamente, reagito in senso positivo. I tassi sui decennali francesi sono scesi di sei punti in pochi minuti (con lo spread sui titoli tedeschi tornato a quota 75), mentre la Borsa ha invertito la tendenza al ribasso chiudendo in lieve rialzo.

© Riproduzione riservata