Mondo

Asta record di 60 milioni per le memorie di Barack e Michelle Obama

AUTOBIOGRAFIE

Asta record di 60 milioni per le memorie di Barack e Michelle Obama

NEW YORK - Barack e Michelle Obama si sono fatti vedere e sentire poco da quando Donald Trump è diventato Presidente. Anche se l'attuale inquilino della Casa Bianca ha provato spesso a tirare in ballo il predecessore e l'ex First Lady per criticarli, fino ad accusarli nelle ultime ore di essere alle spalle delle proteste contro di lui. Ma il silenzio degli Obama non durerà a lungo, anche se quello che romperanno è il silenzio letterario prima che politico: hanno avviato la vendita dei diritti di due libri di memorie degli anni alla White House - una sorta di lui e lei - scatenando un'asta senza precedenti tra le case editrici che promette di fare invidia all'uomo d'affari ora seduto nello Studio Ovale. La gara per pubblicarli, ha rivelato il quotidiano Financial Times, avrebbe superato i 60 milioni di dollari, un record assoluto per qualunque libro presidenziale.

I paragoni, anche quelli più recenti, sono ingenerosi: George W. Bush, che ora si è piuttosto dato alla pittura, intascò circa dieci milioni di dollari dal suo volume “Decision Points” nel 2010 pubblicato da Crown. E Bill Clinton per il suo lungo tomo “My Life” prese 15 milioni di dollari da Knopf.
Obama ha un vantaggio su di loro: quello di essere diventato un autore di riconosciuto successo prima ancora di essere eletto presidente. La sua abilità di scrittore, che si affianca a quella di oratore, era stata messa in evidenza nell'autobiografia “Dreams From My Father” fin dal 1995. Obama guadagnò 6,8 milioni dai diritti di quel volume e 8,8 milioni dal successivo “The Audacity of Hope”, uscito nel 2006.

Almeno quattro editori sarebbero oggi impegnati a contendersi i due volumi paralleli degli Obama, con una decisone attesa nell'immediato futuro. In pole position sarebbe la Penguin Random House, che ha già pubblicato i precedenti libri di Obama. In lizza sarebbe però anche la HarperCollins della News Corp di Rupert Murdoch. Gli altri due nomi di case editrici in circolazione sono Macmillian e Simon & Schuster di Cbs.

© Riproduzione riservata