Mondo

Tomahawk, cos’è e com’è fatto il missile da crociera…

L'ATTACCO USA

Tomahawk, cos’è e com’è fatto il missile da crociera usato in Siria

Tomahawk
Tomahawk

Il Tomahawk, il cui nome per esteso è BGM-109, è un missile da crociera che vanta una lunga carriera nell'arsenale delle forze armate americane. Costruito dalla Raytheon e dalla McDonnell Douglas (ora Boeing) è stato sviluppato negli anni Settanta ed è entrato in servizio nel 1983 in Europa come arma nucleare. È stato, insieme ai Pershing, al centro della questione degli euromissili che gli Usa in accordo con la Nato schierarono nel vecchio continente in risposta al dispiegamento degli SS-20 da parte dell'Unione Sovietica all'inizio degli anni 80.

Tecnicamente è un missile da crociera imbarcato. Questo vuol dire che viene lanciato da navi o sottomarini ed è spinto da un motore turbogetto ad alimentazione atmosferica e non da razzi come avviene nel missili balistici. Solo nella fase inziale del lancio si accendono dei razzi che servono per fargli prendere quota e successivamente il motore a reazione (Williams F107 / Wr 19) da 2.8 kN di spinta lo porta sul bersaglio a velocità subsonica di 880 km/h e ha un raggio di azione compreso tra 1250 e 2500 chilometri.

Essendo un missile da crociera non segue una traiettoria parabolica ma di fatto vola come un aereo ed è guidato da un complesso sistema di pilotaggio digitale su base Gps - battezzato Terrain Contour Matching (Tercom) - che permette al Tomahawk di volare radente al suolo seguendo la conformazione geografica del territorio incuneandosi anche in vallate e passando anche sotto ponti. Va ricordato che il primo missile da crociera fu la bomba volante nazista V-1 (Fieseler Fi 103) impiegata dalla Luftwaffe sul finire della seconda guerra mondiale.

Il Tomahawk (che, non armato, costa circa 1,5 milioni di dollari) può montare cariche nucleari o convenzionali. Nel primo caso porta una testata fissione-fusione W80 di potenza regolabile tra 5 e 150 kiloton (un'arma nucleare molto simile alla b61 che è la più diffusa dello stockpile americano), nel secondo monta una testa ad alto esplosivo da circa 450 kg. Il BGM-109, realizzato in varie versione è lungo tra 5,5 e 6,2 metri a seconda della presenza o meno dei booter.

I Tomahawk hanno debuttato su un teatro bellico nel 1991 durante la prima guerra del Golfo quando vennero lanciati contro l’Iraq di Saddam Hussein dalla Corazzata Missouri, la leggendaria nave da guerra americana sulla cui coperta fu firmata, il 2 settembre 1945 nella baia di Tokyo, la resa del Giappone davanti al generale Douglas MacArthur.

© Riproduzione riservata