Mondo

«La Corea era parte della Cina». Le parole di Trump fanno…

nuovo imbarazzo diplomatico

«La Corea era parte della Cina». Le parole di Trump fanno infuriare Seul

  • – di Redazione Online
Trump e Xi in Florida
Trump e Xi in Florida

Nella Corea del Sud in campagna elettorale va in onda una nuova puntata della saga «Trump e la diplomazia». Il portavoce del ministro degli esteri ha indetto oggi un incontro per chiedere al presidente cinese Xi Jinping di confermare quanto avrebbe detto a Trump durante l’incontro in Florida e cioè che «la Corea è stata parte della Cina».

Il presidente Trump ha riferito questa frase del leader cinese al giornalista del Wall Street Journal che lo ha intervistato la settimana scorsa. In Sud Corea hanno letto e si sono arrabbiati, la diplomazia di Seul è stata costretta a indire questo incontro per chiedere al leader cinese Xi Jinping di confermare le sue controverse parole e informare il presidente Trump - alleato della Sud Corea che ospita 29mila soldati americani - che «la Corea non è stata mai parte della Cina».
«È un fatto noto a tutta la comunità internazionale che da migliaia di anni la Corea non è parte della Cina», dice il portavoce del ministero degli esteri sudcoreano.

Il tutto si consuma con la tensione nucleare con la NordCorea ancora alle stelle, la Cina preoccupata per l’escalation, Kimjong Un che minaccia test e l’Armada promessa da Trump come deterrente alle minacce di Pyongyanh ancora nell’Oceano Indiano.

Dalla discussione Xi-Trump in Florida il presidente degli Stati Uniti avrebbe concluso che non è così facile per la Cina convincere la Nord Corea a smetterla con le minacce nucleari. I sudcoreani ovviamente non sono affatto d’accordo con questa affermazione perché è noto che la Cina è lo storico alleato e finanziatore della Nord Corea.

Le affermazioni di Xi sarebbero una chiara distorsione della storia e un’invasione della sovranità sudcoreana» dice il candidato conservatore del Liberty Korea Party.

© Riproduzione riservata