Mondo

Trump licenzia il direttore dell’Fbi del mail-gate e del…

allontanato james comey

Trump licenzia il direttore dell’Fbi del mail-gate e del Russia-gate

James Comey, direttore dell’Fbi “licenziato” da Donald Trump (Afp)
James Comey, direttore dell’Fbi “licenziato” da Donald Trump (Afp)

Donald Trump ha licenziato a sorpresa il direttore dell’Fbi James Comey, che era stato protagonista delle indagini sullo scandalo delle email di Hillary Clinton ma ora era inpegnato a fare luce sui controversi rapporti tra la campagna di Trump e la Russia.

Comey è stato cacciato su raccomandazione del segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, uomo di fiducia di Trump costretto tuttavia a ricusarsi dalle inchieste sulla pista russa e che aveva a sua volta avuto incontri con rappresentanti di Mosca. L’Fbi è formalmente parte del Ministero della Giustizia.

L’annuncio della svolta è stato dato dal portavoce della Casa Bianca Sean Spicer, che ha precisato come comincerà subito la ricerca di un successore. Il rischio per la Casa Bianca è che scattino accuse di possibili insabbiamenti.

Comey è un repubblicano, ma era stato direttore dell’Fbi anche sotto l’Amministrazione democratica di Barack Obama. La sua rivelazione pubblica delle inchieste sulle mail della Clinton aveva però attirato le ire dei democratici. Comey ha difeso in questi giorni la sue scelta durante audizioni al Congresso.

Di recente aveva inoltre confermato l’esistenza di indagini sui collaboratori di Trump per la pista russa, con Mosca accusata di interferenza nelle elezioni americane a favore del candidato repubblicano.

Non è stato immediatamente chiarito da Spicer il motivo della sfiducia e della cacciata, se legato a posizioni prese da Comey oppure alla necessità di nominare funzionari fedeli all’Amministrazione e che sappiano controllare le fughe di notizie dall’apparato di intelligence e sicurezza che minacciano di screditarla.

“L’Fbi è una delle nostre più rispettate istituzioni e oggi segna un nuovo inizio”

Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d’America 

Trump ha fatto sapere in una dichiarazione scritta che «l’Fbi è una delle nostre più rispettate istituzioni e oggi segna un nuovo inizio per il gioiello delle nostre forze di sicurezza». Anche il senatore repubblicano e frequente critico della Casa Bianca Lindsey Graham ha approvato la mossa, sottolineando le troppe controversie che perseguitavano Comey e invitando Trump a scegliere il «candidato più qualificato» per sostituirlo.

© Riproduzione riservata