Mondo

Macron, nel Governo altri due transfughi della destra. Le Maire…

FRANCIA

Macron, nel Governo altri due transfughi della destra. Le Maire all’Economia

Bruno Le Maire , nuovo ministro francese dell’Economia (Reuters)
Bruno Le Maire , nuovo ministro francese dell’Economia (Reuters)

Ci sono altri due transfughi della destra – dopo il premier Edouard Philippe – nel Governo di Emmanuel Macron, dall'impronta marcatamente europeista, annunciato nel pomeriggio. A loro stata affidata la gestione degli affari economici.

All'Economia stato infatti nominato Bruno Le Maire, 48 anni, sfortunato candidato, nel novembre scorso, alle primarie dei Rpublicains. Dov'era arrivato quinto, con il 2,4% dei voti. Dopo aver guidato il gabinetto di Dominique de Villepin nel 2006-2007, stato sottosegretario agli Affari europei nel Governo Fillon (presidenza Sarkozy) tra il 2008 e il 2009 e poi ministro dell'Agricoltura, tra il 2009 e il 2012. Nelle ultime settimane si era avvicinato al movimento di Macron.

Il budget (“Azione e conti pubblici”) stato invece affidato a Grald Darmanin, 34 anni, deputato dei Rpublicains dal 2012 e sindaco di Tourcoing dal 2014.
Tutti e tre – il premier e i due ministri – sono ovviamente stati espulsi dal partito.

Agli Interni stato nominato il sindaco socialista di Lione Grard Collomb, 69 anni, sostenitore di Macron fin dal luglio dell'anno scorso. Agli Esteri va il ministro uscente della Difesa, Jean-Yves Le Drian, anche lui sessantanovenne, che verr sostituito dalla deputata europea centrista Sylvie Goulard, 52 anni. Il centrista Franois Bayrou, 65 anni – l'unico leader politico con cui Macron aveva firmato un accordo elettorale - si occuper della Giustizia. Mentre il ministero della Transizione ecologica e solidale sar affidata al leader ambientalista Nicolas Hulot, 62 anni, popolarissimo in Francia e che aveva via via respinto un'analoga proposta di Chirac, Sarkozy e Hollande.

Nel Governo – il primo dell'era Macron, il primo della ricomposizione politica che si sta realizzando in Francia in nome della trasversalit e del superamento delle barriere ideologiche – ci sono 18 ministri e 4 sottosegretari. La parit di genere stata perfettamente rispettata, anche se i ministeri di maggior peso sono in mano agli uomini. Una decina di figure arrivano dalla cosiddetta societ civile.

© Riproduzione riservata