Mondo

Arizona, troppo caldo anche per decollare: cancellati decine di voli a…

ONDATA DI CALORE

Arizona, troppo caldo anche per decollare: cancellati decine di voli a Phoenix

Ap
Ap

Troppo caldo anche per gli aerei. Almeno 40 voli sono stati cancellati all’aeroporto di Phoenix a causa delle temperature eccezionalmente alte: oggi la massima nella capitale dell’Arizona è prevista fino a 49 gradi centrigradi, oltre il limite di operatività per alcuni tipi di aerei. American Airlines ha annunciato stamane la cancellazione di diversi voli in partenza dallo scalo Sky Harbor nelle ore più calde della giornata tra le 15 e le 18. I voli interessati sono quelli operati con aereri Bombardier CRJ, che tollerano una temperatura massima di 118 gradi Fahrenheit (48 gradi Celsius).

L’ondata di calore che sta intrappolando l’Arizona ha portato le temperature massime a un soffio dal record di 122 gradi Fahreneheit (50 gradi Celsius) stabilito il 26 giugno 1990. Con le alte temperature, l’aria ha una densità inferiore e questo riduce la capacità di sollevamento delle ali. Questo costringe i motori a fornire una maggiore spinta. Il problema è noto agli addetti ai lavori: un rapporto del 2016 dell’Organizzazione per l’Aviazione civile (Icao) avvertiva che le alte temperature provocate dal cambiamento climatico potrebbero «avere serie conseguenze sulla performance degli aerei in fase di decollo, soprattutto quando l’altitudine o la brevità delle piste limitano la capacità di carico o di portata del carburante». Per queste ragioni diversi aeroporti in Medio Oriente e alcuni scali ad alta quota in Sudamerica tendono a concentrare i voli a lungo raggio negli orari serali.

Aerei più grossi come i Boeing 747 e gli Airbus A330, A340 e A380 hanno una tolleranza maggiore alle alte temperature e possono reggere fino a 53 gradi centigradi e infatti continuano a volare su Phoenix. Temperature che potrebbero essere toccate proprio oggi nella Furnace Creek, il cuore della Death Valley. Tanto che il Servizio del Parco nazionale della valle ha diramato una nota in cui sconsiglia di effettuare trekking dopo le 10 di mattina. Il Sud-Ovest degli Stati Uniti è interessato in questi giorni da una forte ondata di calore con temperature oltre i 40 gradi in molte località di California, Nevada, Utah, Arizona, New Mexico e Colorado.

Ondate di calore sempre più frequenti
Proprio ieri uno studio internazionale pubblicato sulla rivista
Nature Climate Change (qui l’abstract dello studio) ha rilanciato il tema delle ondate di calore (heeatwaves in inglese) sempre più frequenti in futuro. Se le emissioni di CO2 continueranno a crescere al tasso attuale alimentando il riscaldamento globale, avverte lo studio, tre persone su quattro nel mondo saranno esposte a ondate di calore potenzialmente letali entro il 2100. Stando agli esperti, capitanati dall'università hawaiana di Manoa, attualmente il 30% della popolazione mondiale è esposto a ondate di calore letali per almeno 20 giorni all'anno.

© Riproduzione riservata