Mondo

Libero scambio: intesa Europa-Giappone biglietto da visita per il…

la risposta a trump

Libero scambio: intesa Europa-Giappone biglietto da visita per il G20

(LaPresse)
(LaPresse)

L’annuncio dell’ultima ora di un accordo commerciale fra Unione europea e Giappone e l’incontro fra il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente cinese Xi Jinping, che ha posto le basi per una serie di intese commerciali future, hanno acceso i riflettori del vertice del G-20, che inizierà domani ad Amburgo, sulle questioni del libero commercio, la bandiera della presidenza tedesca, e accentuato l’isolamento internazionale del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Alla vigilia degli incontri del gruppo che riunisce i grandi Paesi industriali e le principali potenze emergenti, la storica riunione bilaterale di stasera fra Trump e il presidente russo Vladimir Putin e le tensioni sui lanci di missili della Corea del Nord rischiavano di spostare l’agenda accuratamente preparata da Berlino sulle questioni geopolitiche e di mettere al centro della scena il presidente americano, che fin dalla sua elezione ha avuto un rapporto a dir poco problematico con la signora Merkel. Il rapporto Usa-Russia, con il sottofondo delle accuse dei servizi segreti americani di interferenze da parte di Mosca a favore dell’elezione dello stesso Trump, e i connotati nucleari della minaccia nordcoreana fanno sì che i due temi restino molto caldi.

Ma il cancelliere Merkel, pur avendo ammesso alla vigilia di aspettarsi ad Amburgo «negoziati difficili», è determinata a fare del G20 uno sforzo collettivo, sia sul commercio internazionale, sia sui cambiamenti climatici, due temi su cui l’amministrazione Trump è decisamente fuori sintonia con i principali partner, come era emerso in tutta evidenza anche al G7 di Taormina. Il nuovo Governo americano, ha detto il cancelliere in un’intervista al settimanale “Die Zeit”, vede la globalizzazione come un processo che produce vincitori e vinti. «Dobbiamo invece lavorare per trovare accordi e non trovarci in una situazione in cui prevale la mancanza di comunicazione», ha dichiarato. Si prevede che, subito dopo il G20, Washington annunci misure contro l’import di acciaio e alluminio dalla Cina, che finirebbero però per colpire anche i produttori di altri Paesi, compresi gli europei.

Nella sua campagna contro il protezionismo, la signora Merkel ha trovato ieri l’appoggio del direttore del Fondo monetario, Christine Lagarde, che, in una nota che accompagna l’abituale scenario economico (l’Fmi, con «cauto ottimismo», prevede una crescita dell’economia mondiale del 3,5% quest’anno e il prossimo), sollecita ad evitare scelte «miopi» in materia di commercio internazionale. Il documento del Fondo segnala peraltro anche la necessità di ridurre gli squilibri commerciali, puntando l’indice contro il surplus tedesco, e i rischi posti dalla bolla creditizia in Cina. «Vecchi e nuovi rischi – ha scritto la signora Lagarde – minacciano il nostro obiettivo di generare una crescita più alta condivisa da tutti». Il G20, ha sostenuto, è «un’opportunità di rafforzare il sistema degli scambi globali e riaffermare il nostro sostegno a regole che vengano fatte rispettare e che promuovano la concorrenza, ma assicurino un trattamento uguale per tutti». Nei precedenti incontri, dei ministri finanziari del G20 a Baden-Baden e del G7, gli Stati Uniti hanno cercato di annacquare l’impegno contro il protezionismo.

Ma l’assist più importante alla presidenza tedesca sul commercio è venuto ieri dall’annuncio di un accordo di principio (alcuni elementi tecnici devono essere ancora definiti) fra Europa e Giappone, per l’abolizione di quasi tutti i dazi, anche se alcuni con un lungo periodo di transizione (15 anni nel caso dell’import di formaggi europei). L’accordo verrà presentato oggi ad Amburgo dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker e dal primo ministro Shinzo Abe: un modo per entrambi i partner per esprimere indirettamente la riprovazione dell’isolazionismo americano sotto Trump e in particolare per il premier giapponese una sorta di rivalsa dopo che il neo-eletto presidente Usa ha ritirato l’adesione all’accordo di libero scambio transpacifico.

Va nella stessa direzione l’incontro fra Merkel e Xi Jinping, che prevede diverse intese commerciali ma che, nelle intenzioni, dovrebbe fare da preludio a un più ampio accordo fra le Ue e Pechino, in una prima fase sugli investimenti. I due leader hanno affidato l’illustrazione della nuova relazione fra i due Paesi alla telegenica consegna di due panda dalla Cina allo zoo di Berlino.

Altro oggetto del contendere fra gli Stati Uniti e gli altri partecipanti al G20 saranno le regole della finanza globale: nel suo rapporto ai leader pubblicato questa settimana, il Financial Stability Board, presieduto dal governatore della Banca d’Inghilterra, Mark Carney, ha ricordato i buoni risultati ottenuti nell’introdurre norme più stringenti dopo la crisi finanziaria globale, quelle norme su cui Trump vuole fare marcia indietro.

© Riproduzione riservata