Mondo

«I love it». Trump jr approvava le email dei russi contro Hillary

russiagate

«I love it». Trump jr approvava le email dei russi contro Hillary

  • – di Redazione Online
Donald Trump Jr con la moglie Vanessa
Donald Trump Jr con la moglie Vanessa

Donald Trump Jr, figlio del presidente americano Trump, decide di muovere e pubblica le mail per cui lo accusano di rapporti con la Russia durante la campagna elettorale. Anzi per aver chiesto informazioni con cui screditare l’avversaria alla Casa Bianca, Hillary Clinton.

«Se è come dite, sono contento (in inglese: “I Love it” ndr)». Così Donald Trump Jr risponde in una mail a chi gli propone la possibilità di ottenere informazioni dannose per Clinton. È quanto emerge dallo scambio di mail che ruota attorno all'incontro dell’8 giugno 2016 con l’avvocato russa Veselniskaya, che lo stesso primogenito del presidente degli Stati Uniti ha pubblicato sul suo profilo Twitter. (Qui in basso)


Dallo scambio di mail diffuso da Donald Trump Jr, il materiale dannoso su Hillary Clinton veniva definito «parte del sostegno della Russia e del suo governo per Trump». In una della mail l'ex giornalista britannico Rob Goldstone che fece da tramite per organizzare l'incontro fra Trump Jr e la avvocato russa Natalia Veselnitskaya, scriveva di lei che si trattava di un «legale del governo russo». Cosa non vera secondo il Cremlino che nega «collegamenti» con la donna che nella sua carriera di avvocato si è impegnata a contrastare le sanzioni alla Russia decise per le interferenze nella guerra civile in Ucraina.

La versione dell’avvocato russa
«Non ho mai avuto informazioni dannose per Hillary Clinton. Non è mai stata questa la mia intenzione» dice in un'intervista alla Nbc l'avvocatessa Veselnitskaya. Dell’incontro a New York con il primogenito di Donald Trump, Donald Jr, dice: «È possibile che forse loro cercassero tali informazioni. Le volevano disperatamente al punto di sentire solo quello che volevano» ha aggiunto Veselnitskaya la quale ha inoltre negato suoi legami con il Cremlino.

© Riproduzione riservata