Mondo

Attacco a chiesa cattolica in Nigeria, 8 morti e 18 feriti

nello stato di anaMbra

Attacco a chiesa cattolica in Nigeria, 8 morti e 18 feriti

Sarebbe di otto morti e 18 feriti l'ultimo bilancio dell'attacco compiuto stamane a colpi d'arma da fuoco contro i fedeli in una chiesa cattolica, mentre era in corso la celebrazione della messa. Il bilancio è stato dato da Garba Umar, responsabile della polizia dello stato di Anambra, secondo il quale un solo uomo ha compiuto la strage nella St. Philip Catholic Church di Ozubulu. Secondo testimoni i
morti sarebbero invece almeno 12 e gli assalitori sarebbero stati due. Il governatore dello ststo di Anambra, Willie Obiano si è subito recato sul posto. Ancora ignoti gli attentatori.

La condanna di Alfano
«Condanno con forza il vile attacco sferrato oggi contro la chiesa cattolica di St. Philip, nella località di Ozubulo, nel sud-est della Nigeria. Ancora più efferato e vile perché ha colpito i fedeli nel momento di raccoglimento della preghiera. L'ennesima strage di cristiani conferma che non possiamo abbassare la guardia contro il terrorismo, che punta a sopprimere la libertà religiosa». Lo ha detto in una nota il ministro degli Esteri, Angelino Alfano.
«Colpire i simboli religiosi e le persone che in essi credono, significa infatti violare uno dei principali e fondamentali diritti dell'uomo. Ci stringiamo al dolore dei parenti delle vittime e auguriamo ai feriti una pronta guarigione. Solidarietà, dunque, al governo della Nigeria, a cui ci legano sentimenti di amicizia, e la piena garanzia che l'Italia sarà sempre al suo fianco nella lotta al terrorismo e all'estremismo religioso», ha concluso il ministro.

© Riproduzione riservata