Mondo

Google, bufera sul memo dell’ingegnere: «Tra uomini e donne…

GENDER GAP

Google, bufera sul memo dell’ingegnere: «Tra uomini e donne differenze biologiche»

Epa
Epa

Nuova bufera nella Silicon Valley sulle discriminazioni di genere. I manager di Google hanno denunciato un ingegnere interno al gruppo per aver fatto circolare un memo di 3mila parole dove si imputa la minor presenza di leader ed executive donne alle «differenze biologiche» di attitudini e abilità rispetto ai colleghi uomini.

Accuse all’«echo chamber» di Google
L’autore, nella nota interna intitotolata «L’echo chamber ideologica di Google», ha attaccato anche la «monocultura del politicamente corretto» che impedirebbe, a suo dire, una discussione aperta sul fenomeno. Danielle Brown, la vicepresidente con delega su diversità e inclusione, ha replicato che nell’azienda «tutti possono sentirsi sicuri di esprimere le proprie opinioni», a patto che la posizione rispetti i principi di equità e le politiche anti-discriminatorie approvate nel Codice di condotta di Big G. Il vicepresidente della divisione ingegneristica Aristotle Balogh ha rincarato la dose, dichiarando che esternazioni così «stereotipate e dannose» non dovrebbero ricoprire alcun ruolo nella cultura dell’azienda.

Il «sessismo» nella Silicon Valley
Il caso ha riacceso le polemiche sul sessismo nella Silicon Valley, dopo le indagini su episodi di molestie sessuali denunciati in colossi come la società di trasporti Uber e in diversi fondi venture capital. La stessa Google, oggi divisione della holding Alphabet, è finita al centro di un’investigazione del dipartimento di Giustizia americano per il gap nelle retribuzioni che si registrerebbe tra uomini e donne.

I messaggi di solidarietà all’autore
Il memo che ha scatenato la contesa, però, non ha ricevuto solo condanne. Alcuni portali hanno segnalato messaggi di solidarietà con l’autore del testo, ringraziato per aver «sollevato questioni importanti» nel gruppo. E c’è chi ha sostenuto, in forma anonima, che Google sia troppo «politicamente corretto» e incapace di affrontare temi più spinosi.

© Riproduzione riservata