Mondo

Suwalki Gap, il fianco scoperto della Nato

Europa

Suwalki Gap, il fianco scoperto della Nato

Un posto di confine abbandonato lungo il Suwalki Gap: il corridoio che divide Lituania e Polonia ora è territorio Ue
Un posto di confine abbandonato lungo il Suwalki Gap: il corridoio che divide Lituania e Polonia ora è territorio Ue

Incastonato tra l’enclave russa di Kaliningrad e la Bielorussia, il Suwalki Gap - corridoio di 104 km al confine tra Polonia e Lituania - viene descritto spesso come il tallone d’Achille dell’Alleanza atlantica nell’Europa nord-orientale: in caso di offensiva russa contro la Nato, a Mosca basterebbe prenderne il controllo per isolare i Paesi Baltici (e le truppe Nato presenti in Estonia, Lettonia e Lituania) dal resto dell’Alleanza, minandone la credibilità.

«La striscia è resa vulnerabile dalla geografia - lo ha descritto il generale Ben Hodges, comandante delle truppe Usa in Europa -. Un attacco non è inevitabile, ma se il passaggio venisse chiuso, avremmo tre alleati a Nord potenzialmente isolati. La Russia potrebbe prendere il controllo dei Paesi Baltici più rapidamente di quanto potremmo difenderli».

Dopo la riannessione della Crimea alla Federazione russa, sancita nel marzo 2014, le relazioni tra Nato e Russia sono scese ai minimi dalla fine della guerra fredda, riportando alla ribalta scenari che sembravano ormai superati. Anche se la Russia ripete di non aver alcun piano di invasione delle repubbliche baltiche, e protesta che è invece la Nato a minacciare l’Europa orientale, rafforzando la propria presenza militare e moltiplicando le proprie esercitazioni.

© Riproduzione riservata