Mondo

Giappone: le opposizioni si uniscono contro Abe per le elezioni anticipate

verso il voto

Giappone: le opposizioni si uniscono contro Abe per le elezioni anticipate

Tokyo – Il premier giapponese Shinzo Abe ha oggi sciolto formalmente la Camera Bassa, indicendo elezioni generali anticipate per il 22 ottobre per chiedere un nuovo mandato forte, ma lo scenario si profila per lui molto piu' complicato del previsto per i segnali di inattesa aggregazione tra schieramenti di opposizione vecchi e nuovi.

Abe ha annunciato la sua mossa il giorno stesso della riconvocazione della Camera, senza un discorso politico né una conferenza stampa successiva: un atteggiamento molto criticato dalle opposizioni. Vari analisti sottolineano che lo scopo principale del premier – a parte evitare dibattiti pubblici su un paio di scandali che l'hanno toccato - è quello di cercare di non dare tempo alle opposizioni per riorganizzarsi. Ma lo scenario politico si sta evolvendo più rapidamente di ogni previsione: la governatrice di Tokyo Yuriko Koke è già riuscita a promuovere il lancio di un nuovo “Partito della speranza” – su parole dell'ordine di riformismo e trasparenza – mentre Seiji Maehara, di recente eletto leader dell'attuale principale partito di opposizione (il Partito Democratico) ha deciso di cercare di promuovere una sorta di fusione con il neonato Partito della Speranza.

Anche a costo di spaccare e affossare il suo partito, già in piena crisi e diviso tra l'ala “destra” di Maehara e un'ala sinistra che preferirebbe alleanze elettorali con il Partito Comunista. Se la fusione andra' in porto, si tratterà del maggiore riallineamento politico in Giappone da 15 anni. E potrebbe far sì che i calcoli di Abe si rivelino sbagliati. Non a caso Abe si è posto un obiettivo molto, troppo modesto: riconquistare la maggioranza dei seggi (per poi poter cantare vittoria se il risultato sarà un po' migliore). Mentre oggi il suo Partito Liberaldemocratico sfiora i due terzi del membri della Camera Bassa.

© Riproduzione riservata