Mondo

Giappone: Tepco può riaprire la centrale nucleare più grande del…

dopo l’incidente di Fukushima

Giappone: Tepco può riaprire la centrale nucleare più grande del mondo

TOKYO - Per la prima volta dall'incidente di Fukushima-Daichi (marzo 2011), la Tokyo Electric Power Company (Tepco) ha ottenuto dalle autorità di regolamentazione il via libera alla riapertura di una sua centrale nucleare.
La Nuclear Regulation Authority ha approvato oggi il piano della Tepco per riattivare i reattori numero 6 e 7 della centrale atomica di Kashiwazaki-Kariwa, il maggior impianto nucleare del mondo.

Dei suoi sette reattori, quelli con il numero 6 e 7 sono i più nuovi: secondo le autorità, corrispondono ai criteri più stringenti di sicurezza introdotti nel post-Fukushima, dopo gli ampi lavori effettuati dalla Tepco in loco. Ma si tratta di reattori ad acqua pesante dello stesso tipo di quelli di Fukushima Dai-Ichi, nessuno dei quali aveva finora ottenuto l'ok preliminare al riavvio.

Greenpeace ha stigmatizzato la decisione delle autorità, definendola azzardata, oltre che una conferma della “debolezza” delle autorità di regolamentazione nei confronti della lobby nucleare.

Tuttavia il percorso per la riapertura effettiva della centrale resta accidentato, in quanto occorre il consenso delle autorità locali. Il governatore della prefettura di Niigata Ryuichi Yoneyama ha affermato che occorreranno circa tre o quattro anni per ottenere l'ok della popolazione alla riattivazione dell'impianto, che si trova lungo il Mar del Giappone, quasi “di fronte” alla Corea del Nord.

La possibilità di un attacco nordcoreano alla centrale è uno dei fattori di preoccupazione diffusi tra le gente del territorio. Nei giorni scorsi è trapelata la notizia di ulteriori pesanti ritardi nel piano di decommissionamento della centrale di Fukushima Dai-ichi danneggiata dallo tsunami del 2011: la rimozione delle barre di combustibile dai reattori 1 e 2 non avverrà prima del 2023.

© Riproduzione riservata