Mondo

Da Brexit alla Catalogna. L'illusione che il voto popolare risolva tutto

referendum

Da Brexit alla Catalogna. L'illusione che il voto popolare risolva tutto

(Reuters)
(Reuters)

La maggior parte delle nazioni di oggi nata dalla dissoluzione di imperi. I nazionalismi minacciano adesso la dissoluzione degli Stati. Il movimento per l'indipendenza in Catalogna rappresenta lo scontro fra ci che sembra una ragionevole richiesta di autodeterminazione nazionale e la sovranit dello Stato spagnolo come dato di fatto. Anche se sarebbe comodo fare finta che non sia cos, la verit che le due parti hanno entrambe ragione.

Un luogo comune pericoloso - forse la pi grande e sola minaccia per le istituzioni democratiche - la crescente convinzione che certe controversie possano essere risolte con un semplice voto popolare.

Se la maggioranza dei catalani, o qualsiasi altro gruppo nazionale, sostiene l'indipendenza in un referendum, la volont popolare deve prevalere. I plebisciti vengono cos elevati al rango di forma pi pura di democrazia. La Storia dimostra invece che pi spesso sono un percorso verso l'autoritarismo - un espediente di demagoghi e dittatori, come una volta ha detto il primo ministro britannico Margaret Thatcher. La libert poggia sullo Stato di diritto, la democrazia sulla tutela delle minoranze. Gli Stati non possono essere sempre in bala della frammentazione. Sono tutte cose che non possono essere rovesciate dal capriccio popolare.

per questo motivo che esistono le Costituzioni, scritte o non scritte, per sancire le libert fondamentali nel contratto tra cittadini e Stato. per questo che le Costituzioni contengono norme di correzione che richiedono oltre il 50 per cento pi uno dei voti in determinati casi. Quando la Repubblica federale tedesca ha deciso di sconfessare i referendum nazionali, aveva le sue buone ragioni.

L'ex presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson comunemente considerato colui che ha fatto dell' autodeterminazione un principio dominante delle relazioni internazionali. Il suo discorso “14 punti” alla fine della prima guerra mondiale diventato un testo sacro per coloro che puntano all’autogoverno. Wilson chiese l’indipendenza delle nazioni dell'Impero ottomano, garanzie per i Balcani e uno Stato per i polacchi. In altre parti del mondo, i confini avrebbero dovuto corrispondere il pi possibile alle etnie.

Una specifica serie di proposte, concepite in modo da adattarsi a una specifica serie di circostanze - gli Stati Uniti furono selettivi e guardarono ai loro interessi quando ridisegnarono la mappa - furono come incise in tavole di pietra. Si d il caso che la famosa frase non compaia nel discorso da 14 punti. Il mondo stava per entrando nell'era della decolonizzazione e quel principio sembrava valido per qualsiasi epoca degli Stati nazione.

“Tutti i nazionalisti hanno il potere di non vedere analogie tra situazioni simili. Un Tory britannico difender l'autodeterminazione in Europa e si opporr alla stessa in India senza provare alcuna sensazione di incoerenza”

George Orwell 

Come per ogni legge apparentemente immutabile, la secessione per ogni gruppo che rivendica la condizione di nazione non si adatta a tutti i i casi. Wilson fiss come contrappunto la promessa che la nuova Societ delle Nazioni avrebbe assicurato la sovranit degli Stati. La tensione tuttavia persiste, con le Nazioni Unite che ora sono gravate dal duplice ruolo di guardiano dello status quo territoriale da una parte e dell' autodeterminazione nazionale dall’altra.

A volte gli strappi possono essere gestiti attraverso un accordo. L'intesa che sottende il Regno Unito che l’unione si basa sul consenso delle parti che la costituiscono. La sovranit divisa tra Westminster e le nazioni. Quando gli scozzesi hanno votato il referendum per l’indipendenza (il 18 settembre 2014 ndt) lo hanno fatto con l’approvazione del resto del Regno Unito.

L' annessione della Crimea da parte della Russia di Vladimir Putin racconta una storia diversa. Putin l’ha definita un atto di autodeterminazione - il popolo della Crimea avrebbe appoggiato l'invasione russa in un successivo plebiscito. La maggior parte dei democratici vede l'annessione per quello che stato - un atto di aggressione armata che ha violato la sovranit dell' Ucraina e sfidato l’ordine europeo del dopoguerra che, salvo accordo, aveva stabilito confini inviolabili. Se si segue la strada di Putin, il passo successivo all'autodeterminazione sar la pulizia etnica. Scozia e Crimea si pongono agli antipodi di uno spettro. I casi difficili si trovano nel mezzo, ad esempio la richiesta apparentemente ragionevole di separazione da parte di una regione che si scontra con i diritti dei cittadini di un pi grande Stato.

La Costituzione post-fascista di Madrid, la cui promulgazione stata sostenuta dal popolo catalano, coinvolge la sovranit nel popolo spagnolo. I catalani non possono votare per la secessione senza colpire i cittadini spagnoli in Castiglia o Andalusia. Non esiste una formula magica per riconciliare questi nazionalismi concorrenti. L'autodeterminazione, una volta su due, negli occhi di chi la guarda.

George Orwell, che combatt in Catalogna dalla parte repubblicana durante la guerra civile spagnola, lo cap bene. Tutti i nazionalisti osservava hanno il potere di non vedere analogie tra situazioni simili. Un Tory britannico difender l'autodeterminazione in Europa e si opporr alla stessa in India senza provare alcuna sensazione di incoerenza.

Pochi potrebbero sostenere che il governo spagnolo di Mariano Rajoy ha saputo destreggiarsi col voto di indipendenza del governo catalano. La Costituzione spagnola garantisce l' autonomia delle sue nazioni quanto l’indivisibilit dello Stato. Ma l' uso scorretto della forza da parte di Rajoy una questione di tattica piuttosto che di principi.

In sostanza le relazioni tra Catalogna e Spagna saranno decise da un accordo politico o da una guerra civile.

ben lungi dall' essere ovvio che, offrendo un voto adeguatamente organizzato, una maggioranza sarebbe favorevole all'indipendenza. Ma in un modo o nell'altro, i catalani esprimeranno la loro opinione. La legittimit di una democrazia dipende dal consenso. Ci detto, i confronti semplicistici tra la Catalogna e, per esempio, Timor Est o il Kosovo non sono oggetto di un esame neppure sommario. E il consenso ha un significato pi profondo dell'esito di un referendum unilaterale.

Copyright The Financial Times Limited 2017

© Riproduzione riservata