Mondo

California: 31 morti nelle fiamme e 400 dispersi. Scuole chiuse a San…

DISASTRO AMBIENTALE

California: 31 morti nelle fiamme e 400 dispersi. Scuole chiuse a San Francisco

  • – di Redazione online
Un vigile del fuoco durante un’operazione. Le fiamme hanno causato «almeno 31 vittime» i n California (Afp)
Un vigile del fuoco durante un’operazione. Le fiamme hanno causato «almeno 31 vittime» i n California (Afp)

Continua a salire il numero di persone morte nelle fiamme nel Nord della
California: l'ultimo bilancio è di 31 vittime, il più alto mai registrato in una settimana di incendi nella storia dello Stato. Le autorità hanno avvertito che i numeri potrebbero crescere ancora, visto che nella sola contea di Sonoma sono dati per dispersi oltre 400 cittadini. La morte di altre due persone è stata confermata la notte scorsa dallo sceriffo della contea di Sonoma, Robert Giordano. L'incendio delle colline di Oakland causò nel 1991 la morte di 25 persone, mentre nel 1933 nell'incendio del Griffith Park di Los Angeles morirono 29 persone.Il Distretto per la gestione della qualità dell'aria della Bay Area di San Francisco ha emesso un'allerta sanitaria che si estende fino al weekend, a causa di «una qualità dell'aria molto malsana con livelli di inquinamento atmosferico senza precedenti». Come misura d’emergenza saranno chiuse tutte le scuole, mentre la polizia locale ha invitato a «stare in casa, se possibile, chiudere le finestre, fare attenzione ad anziani, bambini e animali».

Oltre 190mila acri in fumo
La fiamme hanno avvolto una superficiedi 190mila acri (77mila ettari), una dimensione pari all’area metropolitana di New York City. Gli incendi potrebbero intensificarsi nelle prossime ore se i venti forti previsti scateneranno nuovi focolai in aree risparmiate. Le conseguenze, nel frattempo, si fanno sentire anche sul piano economico. Ottocento voli sono stati cancellati dall'aeroporto di San Francisco per la mancanza di visibilità causata dal fumo. «La situazione continuerà a peggiorare prima di migliorare. Si tratta di un evento serio e catastrofico», ha avvertito il capo dei vigili del fuoco della California, Ken Pimlott. Solo nella contea di Sonoma, centro dell'industria vinicola californiana insieme a Napa, sono state evacuate 25 mila persone. L’impatto complessivo della calamità deve ancora essere timato, ma si prevedono danni per turismo e l’industria vitivinicola della regione. Solo a Napa 13 cantine sono state danneggiate o demolite del tutto.

Dagli incendi le stesse emissioni di un anno di traffico
L'ondata di incendi nel Nord della California ha causato l'emissione di circa 10mila tonnellate di polveri sottili (Pm2.5) nell’arco di appena due giorni: pari a quante ne generano in un anno i 35 milioni di veicoli presenti sulle strade californiane. Lo ha detto Sean Raffuse, analista della qualità dell'aria presso il Crocker Nuclear Laboratory dell'università della California a Davis, in un'intervista a Usa Today. «È indispensabile che i residenti della Bay Area proteggano la loro salute, soprattutto nelle contee di Napa, Sonoma e Solano», si legge in una nota del Distretto per la gestione della qualità dell'aria della Bay Area di San Francisco. «Se possibile, si raccomanda di cercare riparo negli edifici con aria filtrata, o di spostarsi in aree meno colpite dagli incendi». A chi resta, gli esperti raccomandano l'uso di una mascherina di tipo N95 per evitare di inalare le polveri sottili.

© Riproduzione riservata