Mondo

Cina, l’inviato speciale di Xi venerdì in Corea del Nord

DIPLOMAZIA

Cina, l’inviato speciale di Xi venerdì in Corea del Nord

(Afp)
(Afp)

PECHINO - dalla nostra corrispondente
Xi Jinping muove sulla Corea del Nord e lo fa secondo lo stile di Pechino inviando nella capitale nordcoreana, con una mossa destinata comunque a condizionare il negoziato con Pyongyang, l'inviato speciale Song Tao, ovvero il capo del Dipartimento internazionale del Comitato centrale del Partito. L'agenzia statale Nuova Cina annuncia la visita di Song Tao venerdì nella capitale Nordocoreana. L'agenzia statale della Corea del Nord Kcna ammette, senza precisare la data, la visita di Song Tao.

Song Tao è persona di assoluta fiducia del presidente Xi Jinping, fa parte della sua cerchia ristretta, quindi ha un mandato pieno a nome di Xi per comunicare qualsiasi messaggio utile a Pechino. È il “ministro degli esteri” del Partito comunista cinese. La visita formalmente servirà a illustrare alla Corea del Nord l'esito del 19esimo Congresso del Partito.

Sul tavolo (forse) la denuclearizzazione
Non è certo che Song Tao vada a discutere della denuclerizzazione della Penisola, tuttavia una visita di questo calibro non veniva realizzata dallo scorso febbraio. Significativo è che che resta a casa Kong Xhuanyou, il nuovo inviato speciale ufficiale cinese per la Corea del Nord, che ha assunto l'incarico tre mesi fa, e che ancora in Corea del Nord non ha messo piede. Ma per Pechino non c'è niente di più “pesante” del rappresentante diretto del Partito.

Mentre il presidente Donald Trump si è scambiato a distanza messaggi polemici con Kim Jong Un durante il lungo giro in Asia, Xi Jinping manda quindi un “pezzo grosso” della diplomazia cinese nella Corea del Nord.
Da notare l'arrivo, in contemporanea, ma nella Corea del Sud, di Joseph Y.Yun, l'ambasciatore che dall'anno scorso è inviato speciale di Washington (anche) per la Corea del Nord.

© Riproduzione riservata