Mondo

Russiagate, il procuratore chiede a Deutsche Bank documenti su Trump

indagine su legami presidente-russia

Russiagate, il procuratore chiede a Deutsche Bank documenti su Trump

  • – di Redazione Online
Il presidente Trump  con il suo team ora quasi tutto sostituito. Unico rimasto il vicepresidente Pence. Di spalle Flynn
Il presidente Trump con il suo team ora quasi tutto sostituito. Unico rimasto il vicepresidente Pence. Di spalle Flynn

Le indagini sul Russiagate si allargano e arrivano in Europa. Le autorità americane, in particolare il procuratore speciale Mueller, titolare dell’inchiesta, avrebbero chiesto a Deutsche Bank di consegnare informazioni sui rapporti con il presidente Donald Trump, nell'ambito dell'inchiesta sui legami tra il presidente Trump e la Russia durante la campagna elettorale che ha portato il magnate repubblicano alla Casa Bianca.

La pista della banca tedesca è la stessa che collega la Russia al genero del presidente, Kushner, il cui coinvolgimento nell’affare Russiagate è stato confermato dalla dichiarazione di colpevolezza di Mike Flynn, consigliere per la sicurezza nazionale per appena ventitré giorni dimessosi proprio per i contatti compromettenti con l’ambasciatore russo Kislyak durant eil preiodo di transizione fra l’elezione di novembre 2016 e l’insediamento di gennaio 2017.

Come riporta il quotidiano tedesco Handelsblatt, ripreso negli Stati Uniti dal sito di informazione finanziaria MarketWatch, il consigliere speciale Robert Mueller avrebbe chiesto alla banca tedesca dati sui conti del presidente e di membri della sua famiglia. La richiesta sarebbe arrivata varie settimane fa, ma se ne è avuta notizia solo ora.

Prima di diventare presidente Trump, attraverso società del suo impero nel real estate, doveva rimborsare a Deutsche Bank circa 300 milioni di dollari di prestiti immobiliari.

A giugno la banca aveva respinto la richiesta di informazioni sulla vicenda di alcuni deputati democratici americani, citando le leggi sulla privacy. All'epoca Deutsche Bank aveva detto che avrebbe consegnato i dati se avesse ricevuto una richiesta ufficiale delle autorità americane.

© Riproduzione riservata