Mondo

Il kebab ai fosfati spacca l'Europa ma la Germania vince ai supplementari

europarlamento

Il kebab ai fosfati spacca l'Europa ma la Germania vince ai supplementari

(Olycom)
(Olycom)

Per una volta la Germania ha vinto ai supplementari. Come? Presto detto: il clima nel Parlamento europeo si è improvvisamente surriscaldato come una fornace a fuoco vivo. Il motivo? Il Parlamento europeo ha dato il disco verde al kebab ai fosfati e così nel 2018 finiranno sulle tavole e nelle piadine d'asporto carni con acido fosforico, difosfati, trifosfati e polifosfati (E 338-452), sia che si tratti di montone, agnello o qualsiasi altro tipo di carne in un dettagliato e burocratico elenco che farebbe la gioia dei critici europei. L'Europarlamento, riunito a Strasburgo per via della famosa e costosa navetta che i francesi difendono con i denti, ha respinto le perplessità sollevate da alcuni europarlamentari alla proposta della Commissione che chiedeva di chiudere un occhio sul kebab ai fosfati perché non è pericoloso per la salute ma rende la carne tenera ai palati dei buongustai.

Tutto bene, dunque? Non proprio. Per congelare la proposta della Commissione sarebbe servita un quorum di 376 voti (maggioranza assoluta) , ma i duri e puri dei contrari ha mancato l'obiettivo per tre miseri punti. E la sconfitta brucia. Così l'esenzione è passata sebbene la maggioranza dei parlamentari fosse contrario.

Contro i fosfati erano scesi in campo pesi da novanta come green, liberali, socialisti e sinistra radicale. Ma l'assalto ai fosfati è fallito: 373 contro il kebab ai fosfati, 272 a favore e 30 astenuti. Così il presidente turco Erdogan ora può gioire che il kebab (piatto tipico del Bosforo) ai fosfati che rende la carne tenera potrà circolare (almeno quello) liberamente in Europa. Ma chi ha fatto la differenza al voto?

In Germania il kebab e' a rischio

L'ago della bilancia sulla tormentata vicenda del kebab al fosfato è stato il Ppe, che si è spaccato dando il via libera alla proposta della Commissione. A guidare il fronte del sì ai fosfati è stata la tedesca Renata Sommer, popolare. Strano? Non proprio. La Germania ospita una comunità turca di 3,5 milioni di unità, di cui il kebab è piatto tipico e produce l'80% della carne per il prodotto turco. Così la Germania ha mandato a fondo le perplessità dei parlamentari europei. Inoltre, secondo la Commissione, l'uso dei fosfati è necessario per estrarre e scomporre le proteine della carne e formare una pellicola proteica che lega insieme i pezzi di carne e garantisce un congelamento e una cottura omogenei.

© Riproduzione riservata