Mondo

Accadde cent’anni fa: gli anniversari che ci aspettano nel 2018

ripercorrere la storia / 1

Accadde cent’anni fa: gli anniversari che ci aspettano nel 2018

Cento anni fa
Gli eventi della storia aiutano a capire il nostro tempo. Un secolo fa con l'armistizio di Compiègne – alle ore 11 del giorno 11 dell'undicesimo mese dell'anno 1918 - termina la Prima guerra mondiale, ma il tributo di sangue è spaventoso: quasi nove milioni di morti (calcolando solo i soldati caduti in battaglia). Per l'Italia la guerra contro l'Impero asburgico finisce una settimana prima, con la riuscita offensiva dal Piave a Vittorio Veneto. In Russia il nuovo governo bolscevico, dopo la firma in marzo della “pace separata” con la Germania, fa eseguire in luglio la fucilazione dell'ex zar e della sua famiglia, per eliminare ogni possibilità di restaurazione monarchica.

8 gennaio 1918 – I «14 punti» di Wilson. Il presidente Usa Woodrow Wilson annuncia al Congresso i “14 punti” per una pace mondiale dopo la fine del conflitto. Questi gli elementi principali del piano: libertà dei mari, soppressione delle barriere economiche e commerciali, riduzione degli armamenti, creazione della Società delle Nazioni. Per l'Italia propone la rettifica dei confini in base al principio di nazionalità.

3 marzo – La «pace separata» di Brest-Litovsk. Il nuovo governo bolscevico russo firma con gli Imperi centrali la “pace separata” di Brest-Litovsk, cedendo i Paesi baltici e la Polonia e riconoscendo l'indipendenza dell'Ucraina. Ma per i tedeschi le conquiste a Est (pur con aree fertili e centri industriali e minerari) si riveleranno meno fruttifere di quanto essi speravano per vincere la guerra. Intanto Lenin trasferisce la sede del governo da Pietrogrado a Mosca.
15-23 giugno – Solstizio di battaglia sul Piave. Nelle prime ore del mattino del 15 giugno, con il fuoco dell'artiglieria, inizia un grande attacco austro-ungarico lungo il Piave, dal Monte Grappa fino al mare, contenuto dalle truppe italiane, anche grazie agli aiuti franco-britannici e alla leva dei “ragazzi del 1899”. Nella tarda serata del 23 giugno gli austriaci ripiegano, distruggendo i ponti e le passerelle sul fiume. Una settimana dopo, una controffensiva italiana rioccupa l'ultima testa di ponte nemica fra Caposile e Fossalta: per l'Impero asburgico è l'inizio della fine. Nella notte del solstizio – così vuole la leggenda – il poeta e musicista napoletano Giovanni Gaeta (noto con lo pseudonimo di E.A. Mario) compone “La canzone del Piave”. L'inno rincuora le truppe italiane, al punto che il capo di Stato Maggiore Armando Diaz invia un telegramma all'autore, sostenendo che ha contribuito alla riscossa nazionale più di quanto abbia saputo fare lui stesso.

16-17 luglio – Fucilazione dell'ex zar di Russia. Mentre infuria la guerra civile, con l'Armata rossa guidata da Lev Trotskij in difficoltà di fronte all'offensiva dei generali controrivoluzionari “bianchi” (sostenuti dalle potenze occidentali), il governo bolscevico fa fucilare l'ex zar Nicola II e la sua famiglia (confinati da qualche mese a Ekaterinburg, nella regione degli Urali), per eliminare ogni possibilità di restaurazione monarchica.

1° ottobre – Lawrence d'Arabia e Faysal a Damasco. Le truppe arabe guidate dall'emiro Faysal e da Thomas E. Lawrence (“Lawrence d'Arabia”, ufficiale dei servizi segreti britannici) entrano a Damasco ricevendo la resa formale dei turchi; Faysal viene proclamato “re degli arabi”. Alla fine del conflitto, la spartizione dei territori dell'ex Impero ottomano sarà comunque fatta nell'ambito del patto Sykes-Picot (maggio 1916), con il quale Gran Bretagna e Francia avevano concordato le rispettive sfere d'influenza in Medio Oriente. Ulteriori ambiguità e contrasti scaturiranno dalla “dichiarazione Balfour” (novembre 1917), che prometteva l'aiuto britannico agli ebrei per l'istituzione di un “focolare ebraico” (“national home”) in Palestina.

24 ottobre – La rivincita di Vittorio Veneto. La data dell'offensiva italiana, che porterà alla fine della guerra contro l'Austria, viene fissata un anno esatto dopo la rotta di Caporetto. Ma nella notte del 24 ottobre il peso dell'attacco è sostenuto solo dalla IV Armata del generale Gaetano Giardino sul Monte Grappa, perché l'azione sul fronte del Piave viene rinviata di qualche giorno, a causa della piena del fiume che scardinava i ponti gettati sull'altra riva. La svolta arriva tra il 28 e il 29 ottobre. L'VIII Armata del generale Enrico Caviglia varca il Piave, con l'appoggio di alcuni contingenti alleati: Caviglia intuisce il collasso dell'esercito nemico e lancia la cavalleria su Vittorio Veneto, da cui prenderà nome la vittoria italiana (ma il nome è in onore del primo re d'Italia Vittorio Emanuele II, assunto nel 1866, quando si fusero in una sola città i due nuclei storici di Cèneda e Serravalle)

3 novembre – L'armistizio di Villa Giusti. Fra Italia e Austria l'armistizio viene firmato a Villa Giusti (presso Padova) il 3 novembre, ma diventa esecutivo dal giorno seguente. Il generale Pietro Badoglio, plenipotenziario per l'Italia, vuole infatti arrivare alla cessazione delle ostilità con le nostre truppe già attestate nei territori assicuratici dal Patto di Londra del 1915: giusto il tempo di far entrare i primi soldati a Trento città e di far sbarcare alcuni reparti della Marina nel porto di Trieste.

11 novembre – Finisce la Prima guerra mondiale. Nei boschi di Compiègne (in Piccardia), vicino alla stazione ferroviaria di Rethondes, alle cinque di mattina dell'11 novembre viene firmato l'armistizio tra Francia e Germania, che pone fine alla Prima guerra mondiale. Il cessate-il-fuoco è fissato sei ore dopo (alle 11 del giorno 11 dell'undicesimo mese dell'anno). Intanto a Berlino è stata proclamata la Repubblica e l'imperatore Guglielmo II ripara in Olanda; a Vienna il 12 novembre Carlo I rinuncia al trono asburgico, seguono la proclamazione della Repubblica austriaca, di quella ungherese, cecoslovacca e la nascita del regno di Jugoslavia. Il tributo di sangue nei quattro anni e mezzo di guerra è spaventoso: quasi nove milioni di morti, di cui poco meno di due milioni di tedeschi, un milione e mezzo di francesi, circa un milione di austro-ungarici e altrettanti britannici, 116mila americani. Per l'Italia le stime indicano 750mila morti, tra caduti in battaglia e vittime civili.

© Riproduzione riservata