Mondo

Merkel: io e Macron vogliamo un grande progetto per l’Europa

  • Abbonati
  • Accedi
Summit franco-tedesco

Merkel: io e Macron vogliamo un grande progetto per l’Europa

«Non c’è alcuna differenza» tra Francia e Germania: la visione che i due paesi hanno sul futuro dell’Europa è la stessa, «un grande progetto per l’Europa, che riguarda ciò che è necessario perché l’Europa abbia più fiducia in se stessa e porti fiducia e soddisfazione ai suoi cittadini». È il messaggio lanciato dalla cancelliera Angela Merkel in un summit con il presidente francese Emmanuel Macron a pochi giorni dall’approvazione congiunta, lunedì, da parte dell’Assemblée nationale di Parigi e del Bundestag di Berlino di un documento comune per rilanciare i rapporti tra i due Paesi.

Diversi punti potranno essere esplorati insieme, allora: Merkel ha parlato esplicitamente dell’Unione bancaria, un dossier sul quale i tedeschi hanno qualche riserva - superabile, a quanto sembra - relativa alla condivisione dei rischi e che è stato affrontato ieri da un incontro tra i due ministri delle finanze Peter Altmeier e Bruno Le Maire, la sicurezza delle frontiere esterne, un tema che è stato al centro dell’incontro tra Macron e la premier britannica Theresa May, in vista di Brexit, e una struttura comune della tassazione delle imprese.

Per Macron, che a settembre ha lanciato - un po’ nel vuoto, per l’assenza di una maggioranza chiara in Germania - un vasto programma di riforma dell’Unione europea e della zona euro, è un passaggio importante. «Non spetta a me commentare la politica interna di un paese partner e amico», ha detto, anche se dalle trattative per il nuovo governo emerge «una reale ambizione per il progetto europeo».

L’incontro è stato reso possibile dall’accordo tra i cristiano democratici (Cdu-Csu) della Cancelliera e i socialdemocratici della Spd per la formazione di una nuova Grande coalizione che prevede, nel suo programma, un rapporto privilegiato tra Francia e Germania. La Merkel non può ancora dire, però, di essere un pieno interlocutore: solo domenica la Spd darà il suo primo via libera all’intesa. «Capisco che la Francia stia aspettando che la Germania abbia un Governo», ha detto, aggiungendo di essere ottimista sul voto dei delegati socialdemocratici.

© Riproduzione riservata