Mondo

Xerox passa sotto il controllo di Fujifilm: fusione con 10mila tagli

L’INTESA

Xerox passa sotto il controllo di Fujifilm: fusione con 10mila tagli

(Reuters)
(Reuters)

Una storica icona della Corporate America passa sotto il controllo del suo partner giapponese di lunga data. FujiFilm Holding ha annunciato che prenderà una quota del 50,1% in Xerox Corp conferendo la sua partecipazione del 75% nella joint venture Fuji Xerox in corso tra le due società da oltre mezzo secolo per il mercato asiatico: è il risultato delle pressioni di alcuni grandi azionisti di Xerox come Carl Icahn e Darwin Deason (insoddisfatti per gestione e risultati, dopo lo spin-off dell'anno scorso del settore servizi), dall'altro delle difficoltà generate dalla crescente digitalizzazione di ogni business (che riduce la domanda di fotocopiatrici).

L'intesa dovrebbe essere perfezionata la prossima estate. La joint Fuji Xerox rileverà il 75% del suo capitale che fa capo a Fujifilm per 6,1 miliardi di dollari e Fujifilm comprerà per un analogo ammontare il 50,1% di Xerox.
Il business combinato delle fotocopiatrici sarà quotato alla Borsa di New York, guidato dal Ceo da Jeff Jacobson (attuale Ceo di Xerox), sotto la presidenza di Shigetaka Komori, numero uno di Fujifilm. Un dividendo in contanti da 2,5 miliardi di dollari sara' pagato agli attuali azionisti Xerox nel quadro della transazione, che darà vita alla nuova entità chiamata anch'essa Fuji Xerox.

Komori ha dichiarato che il suo gruppo continuerà a fare acquisizioni e sottolineato la valenza strategica del deal, ma alla Borsa di Tokyo la reazione degli investitori è stata negativa. Questo anche se Komori ha promesso ampie sinergie e il taglio su scala globale di ben 10mila dipendenti.

Fujifilm ha anche annunciato di aver rivisto al ribasso le stime sull'utile operativo nell'esercizio che si chiuderà a marzo da 185 a 130 miliardi di yen, per lo più a causa di oneri di ristrutturazione della joint Fuji Xerox. Ma l'utile netto d'esercizio è stato pronosticato a 140 miliardi di yen (contro la precedente stima di 125) in relazione alla cessione di una parte del capitale. Gli oneri totali di riassetto legati alla presa di controllo di Xerox sono stati ipotizzati in 72 miliardi di yen nell'arco di tre anni. I risparmi sono però stimati nell'ordine di 1,7 miliardi di dollari.
Xerox ha registrato una perdita netta di 196 milioni di dollari nel quarto trimestre 2017.

© Riproduzione riservata