Mondo

Borse: Tokyo (-4,7%) guida il tonfo delle piazze…

Dopo il lunedì nero di wall street

Borse: Tokyo (-4,7%) guida il tonfo delle piazze asiatiche con il peggior calo dalla Brexit

Sull'onda del forte cedimento precedente a Wall Street, il mercato azionario giapponese ha guidato oggi una vera e propria frana delle piazze asiatiche, tra una fuga degli investitori dagli asset di rischio che ha spinto lo yen in rialzo sotto quota 109 nei confronti del dollaro.

L'indice Nikkei della Borsa di Tokyo – dopo esser arrivato a cedere in giornata oltre il 7% - ha chiuso con la maggiore perdita in punti dal giugno 2016 (ossia dal giorno del referendum sulla Brexit) e in percentuale dal novembre 2016: una contrazione del 4,73% - pari a -1.071,84 punti – a quota 21.610,24 punti. Per la seconda sessione consecutiva, si e' registrato il peggior calo della Borsa nipponica dall'elezione di Donald Trump alla presidenza Usa. In picchiata anche gli altri mercati asiatici, con Taiwan a -5% (il peggior tonfo da sei anni e mezzo) e altre piazze in calo mediamente tra il 3 e il 4%. Seul ha pero' resistito, limitando i danni a un -1,5% (il titolo del colosso Samsung ha perso solo l'1% dopo il rilascio dalla prigione del suo leader di fatto Jay Y Lee).

In audizione parlamentare, il governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda ha cercato di gettare acqua sul fuoco, sottolineando che i fondamentali dell'economia giapponese e i profitti delle imprese restano su una traiettoria positive. In effetti, la correzione della Borsa cade in piena stagione di comunicazione degli utili aziendali. Oggi Toyota, ad esempio, ha comunicato un quasi raddoppio dei profitti netti nel terzo trimestre fiscale a 941,8 miliardi di yen e ha alzato le sue previsioni sugli utili netti d'esercizio da 1.950 al record di 2.400 miliardi di yen (mentre Mitsubishi Motors e' riuscita oggi a chiudere in rialzo dell'1,5% dopo il rilascio di ieri sera di un bilancio trimestrale apparso molto positivo). Tuttavia la rinnovata tendenza al rialzo dello yen – tipica dei periodi di turbolenza – costringera' con tutta probabilita' la Corporate Japan a ridimensionare le stime sui profitti dell'annata in corso.

© Riproduzione riservata