Mondo

Sudafrica, dichiarato stato di calamità naturale per la siccità

  • Abbonati
  • Accedi
Intervento del governo nazionale

Sudafrica, dichiarato stato di calamità naturale per la siccità

AFP PHOTO / Rodger BOSCH
AFP PHOTO / Rodger BOSCH

Il governo sudafricano ha dichiarato lo stato di calamità naturale nelle aree meridionali e occidentali del paese, colpite dalla siccità. La decisione comporta che sarà direttamente il governo nazionale ad occuparsi di coordinare e gestire le contromisure per affrontare la siccità. Verranno «rafforzate e sostenute le strutture di gestione delle calamità, in modo che possano essere attuati piani di emergenza e adottate misure immediate di soccorso, recupero e ricostruzione per consentire all'amministrazione nazionale di affrontare efficacemente gli effetti di questo disastro», recita una dichiarazione pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del paese africano.

Città del Capo: “day zero” posticipato al 4 giugno
Oggi l’amministrazione di Città del Capo, dove si registra la peggiore siccità mai riscontrata, ha ulteriormente posticipato la data in cui potrebbe essere necessario interrompere le forniture di acqua ai residenti (il “day zero”) al 4 giugno (precedentemente era fissata all’11 maggio, cfr. con questo articolo). Il posticipo è stato possibile grazie al fatto che i consumi di acqua complessivi della città, nell’ultima settimana, sono scesi a 526 milioni di litri al giorno. «Questa è la prima volta che la media dei consumi nella settimana è scesa sotto i 550 milioni di litri, grazie agli sforzi dei residenti nel consumare il minor quantitativo d’acqua possibile», ha dichiarato il sindaco della città Ian Neilson.


La prolungata siccità che colpisce Città del Capo, dove non ci sono piogge sufficienti per ristabilire le fonti idriche naturali da tre anni, sta impattando anche sulla vita sociale della grande e vivace città sudafricana: per i festeggiamenti del carnevale locale, il cui clou è il prossimo 17 marzo, gli organizzatori stanno limitando al minimo l’utilizzo dell’acqua. Come riporta una fonte locale, i responsabili dell’evento stanno cercando di pianificare i festeggiamenti in modo che abbiano un “impatto zero” sulle risorse idriche.
«Dobbiamo essere consapevoli del fatto che come città, come organizzatori di eventi e come cittadini, il nostro rapporto con l'acqua deve cambiare in modo significativo», ha dichiarato il responsabile dell’organizzazione delle feste per il carnevale locale, Jay Douwes. «Stiamo prendendo molto seriamente la situazione e ci stiamo concentrando sull'assicurare che vengano implementate misure pratiche e responsabili per affrontare l’emergenza idrica», ha proseguito Douwes. (f.s.)

© Riproduzione riservata