Mondo

Pil: ecco i Paesi Ue tornati sopra ai livelli pre-crisi (non…

I DATI DEL 2017

Pil: ecco i Paesi Ue tornati sopra ai livelli pre-crisi (non l’Italia)

La ripresa riprende quota, ma non è sufficiente: l’Italia resta lontana dai livelli precrisi, unica tra le grandi economie di Eurolandia. Nel 2017 il nostro Paese è cresciuto dell’1,5%, in decisa accelerazione dal +0,9% del 2016, ma il suo pil reale annuale resta al di sotto di 5,4 punti rispetto al prodotto interno lordo del 2007, il massimo finora raggiunto. La Spagna, che ha sostenuto una crisi ben più pesante della nostra, è invece riuscita l’anno scorso a superare quella soglia.

Numeri inequivocabili
I numeri, per quanto ancora provvisori, non lasciano margini di dubbio. Gli istituti di statistica nazionali, con la sola eccezione della tedesca Destatis, ed Eurostat non hanno ancora rivelato i dati sul pil in milioni di euro - a valori incatenati 2010, quindi “in volume” - ma hanno tutte pubblicato il dato di crescita del pil (a parità di giorni lavorati) e non è quindi difficile ricostruire, con un margine di affidabilità sufficiente al confronto con il passato, il livello dell’attività economica dell’anno scorso.

PIL REALE
Base 2007=100

Il pil italiano sfiora i 1.600 miliardi
L’Italia - l’anno scorso - è rimasta quindi ben al di sotto dei 1.678 miliardi di pil realizzati nel 2007: si può stimare che abbia sfiorato appena i 1.600 miliardi. La Spagna, al contrario, era già nel 2016 poco lontana da 1.121 miliardi, il massimo raggiunto, in questo caso, nel 2008. L’anno scorso dovrebbe aver raggiunto ,i 1,140 miliardi. Tra i paesi minori di Eurolandia, soltanto Grecia, Portogallo, Cipro e Finlandia mancano il traguardo che potrebbe essere stato invece raggiunto, l’anno scorso, dalla Lettonia e sfiorato dalla Slovenia.

La Germania da sette anni cresce a un ritmo dell’1,8%
Gli altri paesi hanno superato il massimo pre-crisi nel 2011: l’”austera” Germania ma anche la Francia che pure, negli ultimi temi, è apparsa relativamente debole. L’economia tedesca, dal 2010, è cresciuta a un ritmo medio annuo dell’1,8% annuo e quella francese a un ritmo dell’1,1%. Nello stesso periodo il pil italiano - tra false partenze e ritorni alla base - è invece sostanzialmente rimasto invariato mentre dal 2013 a oggi è salito dello 0.9% annuo.

La rapidissima ripresa spagnola
Eurolandia, nel suo complesso, ha superato il massimo pre-crisi, raggiunto nel 2008, solo nel 2014: la miniripresa del 2010-11 non ha permesso di centrare l’obiettivo. Negli ultimi quattro anni, però, è cresciuta a un ritmo del 2% annuo. Il pil spagnolo, invece, dal minimo del 2013 a oggi è cresciuto a una velocità del 2,8% annuo.

© Riproduzione riservata