Mondo

Caso Selmayr: l’Europarlamento valuta l’inchiesta ma Juncker…

  • Abbonati
  • Accedi
europarlamento

Caso Selmayr: l’Europarlamento valuta l’inchiesta ma Juncker manda avanti Oettinger

Sarà il commissario al Bilancio e alle Risorse umane, Gunter Oettinger, a presentarsi oggi pomeriggio a Strasburgo davanti all’Europarlamento in seduta plenaria per rispondere della «Politica della Commissione in materia di integrità, in particolare la nomina del Segretario generale». Il 21 febbraio scorso Martin Selmayr è stato promosso con un blitz, sulla cui regolarità il Parlamento ha deciso di vederci chiaro, da capo di gabinetto del presidente Jean-Claude Juncker a responsabile dell'intera struttura amministrativa dell'esecutivo europeo, più di 30mila persone, tra Bruxelles e le sedi di rappresentanza negli Stati membri e nei paesi extra-Ue.

Juncker, dunque, ha preferito mandare avanti il commissario tedesco che, in quanto responsabile delle risorse umane della Commissione, ha sostenuto il colloquio con il connazionale Selmayr la sera prima della nomina, almeno a quanto ha affermato lo stesso Juncker nella lettera che nei giorni scorsi ha inviato alla capogruppo dei socialisti francesi, Christine Revault D'Allonnnes-Bonnefoy che aveva chiesto chiarimenti sulla nomina. Nella lettera Juncker ricostruisce e difende i passaggi formali della procedura seguita. Ma proprio in quella lettera, secondo alcuni, ci sarebbe una delle tante contraddizioni di questo caso che ormai è finito sulle prime pagine e sui telegiornali di mezzo mondo e mette a serio rischio la credibilità dell'intero esecutivo Ue. Juncker, infatti, scrive ai socialisti francesi che il 20 febbraio, la sera prima della nomina, ha informato il primo vice presidente della Commissione, l'olandese Frans Timmermans dell'esito del bando per il posto di vice segretario generale, per il quale era risultato vincitore Selmayr, unico candidato dopo il ritiro di Clara Martine-Alberola, vice di Selmayr al gabinetto di Juncker.

Perché coinvolgere Timmermans? Timmermans non ha alcun ruolo nella procedura di nomina di un vice segretario generale. Ma è olandese, come Alexander Italianer, l'ormai ex segretario generale che la mattina dopo, il 21 febbraio, un minuto dopo la nomina di Selmayr a vice, si è dimesso lasciando libero il posto di “titolare” assegnato seduta stante a Selmayr in base all'articolo 7 dello statuto dei funzionari europei (nomina nell'interesse del servizio), come risulta dal verbale della riunione della Commissione. Il sospetto è che Juncker abbia voluto avvertire il suo vice di quanto stava accadendo, a spese dell'alto funzionario, Italianer, olandese come Timmermans. Anche perché nella conferenza stampa del 21 febbraio, subito dopo la decisione, Juncker aveva detto che, a suo tempo, al momento della nomina, Italianer lo aveva avvertito dell'intenzione di dimettersi il primo marzo 2018.Dunque il presidente sapeva. C'era tutto il tempo per preparare per bene una successione che avrebbe meritato più trasparenza, vista la posta in gioco che è molto più di “una poltrona”. Ma evidentemente non tutti hanno avuto in tempo le informazioni giuste, dal momento che solo il capo e la vice del gabinetto del presidente si sono fatti avanti per il posto di vice sg.

Nel frattempo Timmermans è finito sulla graticola dei media del suo Paese e il parlamento olandese l'intervento del Governo contro la nomina di Selmayr.
Se così fosse, Juncker avrebbe mentito nella lettera ai parlamentari francesi in cui afferma di aver appreso della decisione di Italianer di dimettersi “la mattina del 21 febbraio”. Date e orari dell'operazione, infatti, sembrano voler confermare la volontà di mettere tutti davanti al fatto compiuto, a cominciare dagli altri commissari. Il verbale della riunione del collegio del 21, infatti, indica che la riunione è iniziata alle 9:35; alle 9:39 il servizio del portavoce ha inviato il messaggio di convocazione della conferenza stampa di Juncker e Oettinger alle 10:30. Quattro minuti dopo dell'inizio della riunione era già partita la convocazione per annunciare ai giornalisti il terremoto ai vertici della Commissione: la nomina di cinque direttori e vicedirettori generali, la nomina di Selmayr a vice segretario generale, le dimissioni di Italianer e la conseguente promozione di Selmayr a titolare del posto. Troppa efficienza per non destare sospetti. Per annunciare le nomine in conferenza stampa Juncker ha preso più del doppio del tempo necessario per approvarle. A corredo, anche la promozione della vice capo di gabinetto di Juncker, Martinez-Alberola, che aveva fatto da comparsa nel bando per il posto di vice Sg, e sospettata di essersi prestata al gioco per fare in modo che il bando fosse formalmente valido.

Ma c'è anche un altro curioso dettaglio ad alimentare il sospetto che in questa storia qualcuno ha giocato a carte coperte: nel sito web dei servizi audiovisivi della Commissione, la pagina sul neo-segretario generale contiene 16 foto che portano la data dell'11 febbraio, 10 giorni prima della doppia nomina. Un errore? Non dovrebbe essere difficile appurarlo. In attesa che il Parlamento decida se aprire o no una inchiesta sull'integrità dei comportamenti ai vertici dell'esecutivo europeo, di sicuro c'è che il Selmayrgate è un colpo durissimo alla credibilità della Commissione e, di riflesso, di tutte le istituzioni europee, in un momento storico segnato dall'avanzata delle forze politiche sovraniste e populiste in molti Stati membri che non può non preoccupare il Partito popolare europeo (di cui fanno parte Juncker e Selmayr). Il Ppe finora non ha preso posizione ufficiale, nonostante trapeli un forte malumore, a cominciare dal presidente del Parlamento, Antonio Tajani.

© Riproduzione riservata