Mondo

Silicon Valley: così i prezzi delle case uccidono il sogno americano

  • Abbonati
  • Accedi
incubo california

Silicon Valley: così i prezzi delle case uccidono il sogno americano

(Adobe Stock)
(Adobe Stock)

PALO ALTO, California — Dieci anni dopo essersi trasferito dal Nevada nella Silicon Valley alla ricerca della sua fetta di boom tecnologico, Victor Barrera ha alla fine perso il minuscolo punto d'appoggio di in uno dei mercati immobiliari più costosi d’America. Da marzo, quando è stato costretto dai proibitivi canoni di locazione a lasciare il suo monolocale a Paolo Alto, il paesaggista vive in un piccolo camper insieme alla moglie e al loro bambino di sei anni. Come decine e decine di altri lavoratori della Silicon Valley che dormono in automobile, in camion e a bordo di camper lungo una strada pubblica spazzata dalla polvere a meno di due chilometri dal mega-campus Menlo Park di Facebook, in piena espansione nella Baia di San Francisco, anche la famiglia Barrera ha ora adottato questa soluzione.

«Gli affitti stanno andando alle stelle, il costo della vita aumenta e, invece di raddoppiarci il salario all'ora, riceviamo soltanto micro-aumenti nell'ordine dei 25 centesimi l'anno. Sai che ci fai con quelli!» dice Barrera, un 35enne con i dreadlock, nato a Guadalajara in Messico. «Stanno cercando di fare della Bay Area una comunità chiusa».

Barrera fa parte di una moltitudine di lavoratori della classe media e di colletti blu che non possono rimanere nelle loro case nelle città in pieno boom della Silicon Valley e che vedono intaccata in modo non trascurabile la loro capacità di trarre vantaggio dalle opportunità che offre un'area così viva e palpitante dal punto di vista economico.

Il prezzo medio degli alloggi nell'Area della Baia di San Francisco a marzo è arrivato a un massimo storico di 820mila dollari, con un aumento del 15 per cento circa rispetto all'anno precedente, secondo i dati di CoreLogic. In molte zone della Baia, i canoni di locazione in media hanno subito rialzi di quattromila dollari al mese.

Poche persone di questa zona mettono in dubbio l'entità di una crisi che ha portato a tempi di viaggio per i pendolari di proporzioni epiche e che tra il 2016 e il 2017 ha fatto innalzare la popolazione dei senzatetto californiani più che in qualsiasi altro stato della nazione. Secondo il dipartimento statale che se ne occupa, nel complesso la California avrebbe assoluta necessità di costruire 180mila nuove case l'anno, per mantenere il passo con l'aumento della popolazione. In verità, nell'ultimo decennio ne sono state costruite meno della metà. La strenua opposizione a nuovi insediamenti ad alta densità abitativa significa che la risposta è stata in ogni caso trascurabile. Il tentativo più cospicuo fatto finora per superare questo punto morto si è arenato alla fine di aprile nell'aula della commissione di Sacramento, la capitale dello stato.

La proposta di legge nota come SB 827, caldeggiata da Scott Wiener, senatore statale democratico di San Francisco, avrebbe consentito la realizzazione di edifici di molti piani nelle vicinanze delle fermate ferroviarie e degli autobus, ma la mossa ha scatenato un putiferio enorme quando la cittadinanza benestante di uno stato in buona parte progressista ha denunciato quello che considera essere il rischio di uno sviluppo incontrollato. «I proprietari di casa che traggono beneficio dai limiti a costruire hanno molta ricchezza e molto potere e nessun interesse a perderli» dice Jenny Schuetz, esperta di politiche abitative al Brookings. «Il disegno di legge del senatore Wiener era ambizioso nel suo tentativo di esautorare le aree locali e dare i loro poteri allo stato, ed è deprimente che il suo tentativo di migliorare almeno in minima parte la densità abitativa non sia riuscito neppure ad arrivare a essere discusso alla camera».

“Le leggi locali che limitano i nuovi sviluppi edilizi sono una forma di “accaparramento opportunista” dell'upper middle-classe americana”

Richard Reeves, autore di “Dream Hoarders” 

L'impatto delle leggi restrittive sulla zonizzazione non si limita alla Bay Area. Enrico Moretti, professore di economia all'Università della California a Berkeley, sostiene che le regolamentazioni che limitano la costruzione di case nuove nelle città lungo la costa – tra le quali New York, San Francisco e Boston – di fatto danneggino l'economia nel suo complesso, limitando il numero dei lavoratori che possono avere accesso ad aree ad alta produttività. Richard Reeves, autore del libro intitolato “Dream Hoarders” pubblicato nel 2017, sostiene che le normative locali che limitano i nuovi sviluppi edilizi sono una forma di “accaparramento opportunista” da parte dell'upper middle-classe americana, che pone ostacoli alla possibilità di lasciare che individui più poveri abbiano accesso alle scuole e ai posti di lavoro migliori.

La situazione è in contrasto con la storia americana antecedente alla fine del XX secolo, quando nelle regioni dalla produttività e dai salari più alti si verificarono enormi migrazioni interne, alle quali si accompagnò un boom delle costruzioni nel settore dell'edilizia. Negli ultimi decenni, alcune delle aree urbane più innovative e dinamiche del paese sono diventate sempre più proibitive a causa dei prezzi.

Da questo punto di vista, tra le zone più calde c'è Seattle, dove dal febbraio dello scorso anno a quello del 2018 i prezzi delle case sono lievitati del 13 per cento circa, facendo segnare così l'aumento più rapido delle 20 città più importanti monitorate dagli indici di S&P CoreLogic Case-Shiller. Il mese scorso i membri del consiglio municipale hanno reso noto un disegno di legge che porterebbe a imporre una tassa per i grandi datori di lavoro per mettere insieme fondi da utilizzare per chi è senza tetto.

«È la prima volta nella storia degli Stati Uniti dagli anni Settanta a oggi che vediamo alcune aree godere di un successo economico incredibile, ma la loro crescita è stata enormemente intralciata dai controlli sulle destinazioni d'uso dei terreni» dice Edward Glaeser, professore di Harvard e massimo esperto di zonizzazione. «Ne consegue che le aree più produttive in America sono troppo piccole». L'influenza e la complessità dei regolamenti relativi alla zonizzazione sono aumentate negli ultimi decenni, ma in alcuni luoghi i regolamenti relativi all'edilizia hanno una storia deleteria. Come spiega Richard Rothstein nel suo libro “The Color of Law”, la zonizzazione un tempo faceva parte integrante di una serie eterogenea di regolamentazioni e prassi ufficiali che miravano esplicitamente a evitare che gli afro-americani si trasferissero nelle aree dei bianchi, con una sorta di processo equiparabile alla segregazione sponsorizzata a livello governativo.

Alcuni legislatori come Wiener dicono che affrontare il problema dei limiti alla fornitura di nuovi alloggi rimane una questione di giustizia sociale. «Rifiutando di autorizzare la costruzione di un numero adeguato di case, stiamo chiudendo la porta in faccia alla gente, in particolare ai giovani. Stiamo dicendo loro che ‘qui non sono i benvenuti'».

Senza la prospettiva a breve termine di un aumento di alloggi a canoni accessibili, alcune aziende della Bay Area stanno prendendo misure drastiche. David MacHale, un meccanico che lavora a Burlingame, a sud-est dell'aeroporto internazionale di San Francisco, dice che per lui sarebbe impossibile recarsi al lavoro presso il concessionario Mazda dove è assunto se non fosse per un alloggio a canone zero messogli a disposizione dal suo proprietario, Kent Putnam. Durante la settimana, MacHale e altri impiegati affollano le stanze di un appartamento sulle colline dietro la concessionaria.

Nel weekend MacHale va a trovare la moglie a Sacramento, evitando di fare il pendolare tutti i giorni e di restare almeno sei ore al giorno nel traffico. «Se non fosse per quell'appartamento, non potrei lavorare qui nella Baia» dice seduto nel salone di esposizione delle nuovissime vetture Mazda. Per affittare in loco un alloggio simile alla sua residenza di Sacramento gli andrebbe via quasi tutto lo stipendio. «Qui tutti i prezzi sono saliti alle stelle» dice.

Zareen Khan, proprietaria di due ristoranti di specialità al curry nella Silicon Valley, ha iniziato a fare qualcosa di simile per alcuni dei suoi dipendenti, camerieri e cuochi, offrendo loro affitti agevolati in una casa che possiede a Menlo Park. La sua è stata una reazione a quel cocktail esplosivo fatto di mercato del lavoro ultra-stretto e alloggi a prezzi proibitivi che teneva alla larga gli aspiranti impiegati. «Ho deciso che sarebbe stata una soluzione vincente per tutti: loro pagano un affitto inferiore alla media e in cambio io ho la loro lealtà e una produttività maggiore» dice.

Per molti abitanti della Bay Area, l'obiezione principale mossa ai tentativi in atto in tutto lo stato di porre rimedio alla penuria di alloggi è che essi potrebbero invalidare i meccanismi finalizzati a dare alle autorità locali il controllo sulla loro destinazione. Jesse Arreguín, il sindaco progressista democratico di Berkeley appoggiato da Bernie Sanders, ha definito la legge «una lunghissima mano» del governo statale.

Google nelle bufera per documento che difende le discriminazioni

Queste preoccupazioni sono venute alla ribalta durante una riunione dei consiglieri municipali di Cupertino all'inizio di aprile, quando i residenti hanno discusso l'impatto delle leggi esistenti e di quelle proposte. Jennifer Griffin, una residente, ha messo in guarda nei confronti di una “crisi costituzionale”, e ha alzato la voce per denunciare la legge statale finalizzata ad ammorbidire le regolamentazioni locali per le abitazioni. «Sacramento si accinge dunque a sfornare leggi di zonizzazione per ogni città della California? Scusate, ma questa vi sembra democrazia rappresentativa?» ha chiesto ai funzionari locali.

Gli strali della sua collera non erano diretti soltanto contro la SB 827, che a quel tempo stava ancora percorrendo il suo iter legislativo. Una nuova legge appoggiata da Wiener l'anno scorso ha concesso l'autorizzazione a un nuovo piano di sviluppo e intervento, accantonato da tempo, per il centro commerciale Vallco di Cupertino, la città che ospita il quartiere generale e avveniristico a forma di anello di Apple.

Circa la metà dei 2402 nuovi appartamenti a uso abitativo inclusi nel progetto sarebbero ritenuti abbordabili, e questo consentirebbe al progetto di eludere l'opposizione locale che avrebbe potuto bloccarne la realizzazione. Il progetto di Cupertino è insolito a causa delle sue dimensioni. Alcuni colossi del settore tecnologico come Google e Facebook hanno anch'essi esercitato pressioni per realizzare grandi complessi immobiliari nella Silicon Valley. Ma le aziende, dice Leora Tanjuatco Ross che lavora come responsabile del settore edilizio della Contea di San Mateo, non possono risolvere da sole questo problema. Se la SB 827 è fallita, questa e altre iniziative a livello statale stanno «obbligando a discuterne» a livello locale, dice.

Wiener sta promettendo di continuare a battersi per sbloccare la morsa alla gola della regolamentazione locale, mentre si appresta l'anno prossimo a presentare un nuovo disegno di legge alla legislatura della California. L'opposizione alla sua legge, tuttavia, non era circoscritta soltanto ai proprietari più benestanti di case. Anche alcuni sostenitori dell'edilizia per redditi bassi erano sospettosi, temendo che l'iniziativa avrebbe esacerbato il processo di “gentrification” (la trasformazione di una zona per lo più popolare in una residenziale per la media borghesia, NdT).

Karen Chapple, professoressa di pianificazione all'Università della California a Berkele, avverte però che costruire case non basta a risolvere la crisi dell'accessibilità dei canoni di locazione. A suo dire, infatti, per abbassare nel complesso i prezzi delle case sarebbe necessario costruire un numero enorme di edifici e, tenuto conto dei costi altissimi in campo edilizio in città come San Francisco, chi opera nel settore tende a indirizzare i nuovi edifici alle persone più benestanti.

Il problema maggiore, quindi, non è semplicemente fornire abitazioni, ma risolvere le disparità di reddito, dice, e sottolinea l'esigenza di varare altre politiche in grado di sostenere i redditi e dare impulso all'istruzione.
Nella Baia di San Francisco perfino chi ha le competenze più adatte alle molteplici opportunità di lavoro nell'economia hi-tech è sottoposto a notevoli pressioni a causa dei costi degli alloggi. Il genero di Tanjuatco Ross, Max Ross, lavora in laboratorio ed è cresciuto a Palo Alto. Quando ha deciso di ritrasferirsi in quell'area da Chicago, ha vissuto in una tenda montata nel giardino posteriore della casa dei suoi genitori.

Adesso che lo stato ha alleggerito le regolamentazioni edilizie per i piccoli alloggi, sta meditando di costruire un piccolo “alloggio abitativo aggiunto” permanente accanto a un albero di susine nel loro giardino. A Paolo Alto vive chi lavora presso la prestigiosa Stanford University della California, e questo ne fa uno dei centri del dinamismo economico americano e del futuro tecnologico. Eppure, l'anno scorso sono stati autorizzati soltanto 80 nuovi alloggi abitativi, in una città che ne conta 67mila: lo dice Adrian Fine, consigliere locale. Nel 2017 le vendite di una casa media si sono aggirate sui 2,26 milioni di dollari.

A fronte dell'impennarsi dei costi delle case, molti residenti rinunciano e se ne vanno. Fine dice che i giovani laureati parlano di voler fare un “turno di servizio” nella Silicon Valley prima di trasferirsi in aree meno costose del paese. Quanto a lui, è l'unico di sei fratelli a essere rimasto nella Bay Area, dove è cresciuto. Anche Barrera è determinato a rimanere.

Una delle sue grandi preoccupazioni è che le autorità locali vogliano allontanare dalle strade pubbliche di Palo Alto i camper. Un giorno, vorrebbe dare inizio alla sua attività di paesaggista. Dice che vivere nella Silicon Valley costa sicuramente un occhio della testa, ma non per questo le opportunità offerte dalla regione sono trascurabili. «Perché vorrei far crescere i miei figli altrove?» chiede accanto al suo camper, in un grigio pomeriggio. «Questa, amico mio, è la Roma dei tempi moderni».

Traduzione di Anna Bissanti
© 2018, The Financial Times Limited

© Riproduzione riservata