Mondo

Attentato a Parigi, il killer era schedato per radicalizzazione.…

  • Abbonati
  • Accedi
terrore in francia

Attentato a Parigi, il killer era schedato per radicalizzazione. Arrestato un amico

Ventenne nato in Cecenia, naturalizzato francese quando ne aveva 13, incensurato ma già segnalato per la sua radicalizzazione islamica: è il profilo dell’attentatore che con un coltello ha riportato il terrore a Parigi. Ieri sera, in pieno centro, a due passi dal teatro dell’Opera, Khamzat Azimov (questo il nome reso noto in mattinata) al grido “Allah akbar!” ha accoltellato i passanti di una via piena di gente: un 29enne è stato ucciso e altre quattro persone sono ferite. La polizia è intervenuta, abbattendo l’assalitore di origine cecena.

Arrestato un amico dell’attentatore
Nel pomeriggio di oggi fonti giudiziarie francesi riferiscono, intanto dell’arresto di un amico di Khamzat Azimov, che è stato fermato a Strasburgo.

L’Isis ha rivendicato poco dopo l’attacco. Il presidente Macron ha fatto subito sapere che la Francia «non cede un millimetro ai nemici della libertà».

Parigi: una persona a terra, altre in fuga

L’assassino era incensurato ma schedato per la sua vicinanza agli ambienti radicali islamici. Sotto osservazione da parte dei servizi segreti francesi era classificato con la “S” (che sta per “Sicurezza dello Stato”) che contraddistingue gli estremisti. Azimov era in contatto con il marito di una donna partita per la Siria. Barba e capelli lunghi, vestito di nero, l’uomo era arrivato nel quartiere in metropolitana: appena uscito dalla fermata ha cominciato ad attaccare i passanti con un coltello a rue Monsigny, stradina nel secondo arrondissement. Erano le 21: nel quartiere turistico ricco di bar, ristoranti e teatri molto frequentato il sabato sera, anche dai turisti, si è seminato il panico.

Il video di rivendicazione dell’attentatore. Attraverso l'agenzia Amaq, l’Isis ha
diffuso un video del presunto attentatore di Parigi, Khamzat Azimov. Lo riferisce il Site. Nella sequenza, di oltre 2:30 minuti, l'uomo a volto coperto giura fedeltà allo Stato islamico, e afferma che che la violenza in Francia «è il risultato dell'aggressione dell'Occidente all'Isis».

In tutto l’assalitore ha colpito otto persone, prima che un poliziotto provasse a bloccarlo usando un fucile a impulsi elettrici. Un secondo agente gli ha sparato e l’uomo è morto in pochi minuti. Nel frattempo intorno un fuggi fuggi generale, grida di panico, gente che si stende a terra. Molti passanti si sono rifugiati nei ristoranti. Attraverso il suo organo di propaganda Amaq, l’Isis ha rivendicato l’attacco, precisando che è stato messo a segno da «un soldato» dello Stato islamico.

LA MAPPA DELL’ATTENTATO A PARIGI

«La Francia paga ancora una volta il prezzo del sangue ma non cede un millimetro ai nemici della libertà» il messaggio di Emmanuel Macron subito dopo la notizia dell’attentato. «Il mio pensiero - ha fatto sapere il presidente francese in un tweet - va alle vittime e ai feriti, oltre che ai loro cari. Saluto a nome di tutti i francesi il coraggio dei poliziotti che hanno neutralizzato il terrorista».


Il leader ceceno Kadyrov “accusa” la Francia
Il leader ceceno e luogotenente di Vladimir Putin in Cecenia, Ramzan Kadyrov, sostiene che Khamzat Azimov, il giovane estremista che ieri sera ha accoltellato i passanti a Parigi, era di origine cecena ma era cresciuto in Francia, e che quindi «tutta la responsabilità» di quanto avvenuto ricade sulle autorità francesi. «Tutta la responsabilità del fatto che Khasan Azimov (così Kadyrov chiama l’assalitore, ndr) aveva imboccato il sentiero della criminalità ricade sulle autorità francesi», ha affermato il controverso leader ceceno, sottolineando che Azimov «era solo nato in Cecenia, ma era cresciuto nella società francese e la sua personalità, le sue visioni e le sue convinzioni si erano formate lì». Secondo Kadyrov, ad Azimov era stato rilasciato il passaporto russo a 14 anni, ma il documento non era più valido perché non era stato rinnovato quando il giovane aveva compiuto 20 anni.

© Riproduzione riservata