Mondo

Venezuela: Maduro e i suoi sfidanti

  • Abbonati
  • Accedi
Quattro i principAli candidati alle presidenziali

Venezuela: Maduro e i suoi sfidanti

Ecco i principali candidati alle elezioni presidenziali in Venezuela, peraltro boicottate da gran parte dell’opposizione e il cui esito appare scontato.

Nicolas Maduro
55 anni, l’attuale presidente del Venezuela e candidato per il Gran Polo Patriottico il favorito. stato ferrotranviere nell’azienda della Metropolitana di Caracas, sindacalista, deputato dell’Assemblea costituente, ministro degli Esteri, Vice Presidente e poi Presidente del Venezuela ad Interim dopo la morte di Hugo Chavz. Nicolas Maduro Presidente dal 2013 battendo il principale candidato dell'opposizione, Henrique Capriles Radonsky. Ottenne il 50,7% dei voti, contro il 49,1%, con un margine di circa 234 mila voti. La partecipazione fu alta, circa l'80% degli aventi diritto. Non ha mai avuto il carisma del suo predecessore Chavez. La figura di Nicolas Maduro emerge in Venezuela durante un periodo privo di proposte politiche e di profonda crisi economica, ma stato beneficiato dall'appoggio di Chavez.

Henri Falcn

57 anni, militare e avvocato, stato governatore dello stato di Lara nella regione pi popolata del Paese ed un ex funzionario del partito chavista. Poi si allontanato dal governo bolivariano, accusando il partito di essere indebolito dalla burocrazia e dal clientelismo. Oggi il leader del partito Avanzata Progressista. Promette di “dollarizzare” l’economia. Appartiene al settore pi dialogante dell'opposizione del suo Paese. La sua candidatura contro Maduro gli valsa l'espulsione dall'opposizione, raggruppata nella Mesa de la Unidad Democrtica (Mud), che boicotter il voto perch ritiene queste elezioni una farsa. Secondo alcuni, Falcn, un “agente segreto del chavismo” che punta a legittimare la corsa presidenziale per far vincere Maduro. Il Segretario dell'Osa, Luis Almagro, ha affermato che la candidatura di Falcn sarebbe uno strumento del governo bolivariano per dividere l'opposizione.

Javier Bertucci

49 anni, pastore evangelico, filantropo e uomo d’affari venezuelano. il leader del movimento “Esperanza por el cambio”. Fondatore della chiesa Maranatha,(una congregazione religiosa con oltre 16.000 seguaci in America Latina impegnata socialmente attraverso l'Associazione civile ‘El Evangelio Cambia'), Bertucci cerca di capitalizzare il malcontento popolare; pu parlare per ore, invoca l'amore e dice che ha il mandato divino di cambiare la storia. Nel 2016 stato implicato nella scandalo dei Panama Papers con l'accusa di capitanare una societ valutata 5 milioni di dollari. Lui ha smentito.
Ha promesso la distribuzione di 6 milioni di piatti di zuppa. La sua Chiesa sar la sua struttura politica: “Far quello che ho fatto in questi dieci anni: camminare tra le persone pi povere, abbracciare, consolare, portare speranza”.

Reinaldo Quijada

58 anni, leader dell'organizzazione Unidad Poltica Popular 89 (UPP89) un ingegnere elettronico, difensore del “processo rivoluzionario”. Ha sostenuto Hugo Chvez dal 1992 ma poi si opposto al nuovo presidente Nicolas Maduro. L'ex chavista invece contro la dollarizzazione proposta da Falcn, e propone un modello nazionalista. Ha promesso di portare a termine il “processo rivoluzionario del presidente Chvez” riproponendo la sovranit monetaria e rilanciando l'autonomia del Banco Central de Venezuela (BCV).

© Riproduzione riservata