Mondo

Usa, retromarcia sulle regole per la finanza. Controlli più soft…

  • Abbonati
  • Accedi
RIVISTA la Dodd Frank

Usa, retromarcia sulle regole per la finanza. Controlli più soft sulle banche

(Reuters)
(Reuters)

NEW YORK - Il Congresso americano ha approvato definitivamente una parziale retromarcia nelle regole per la finanza. La nuova legge riforma la Dodd Frank introdotta all'indomani della grande crisi del 2007-2008: esonera banche di piccole e medie dimensioni dai controlli e requisiti più severi, uno sviluppo che secondo i fautori aiuterà il credito e la crescita economica eliminando iniqui oneri. Ma che secondo i critici rischia di accelerare una deregulation che aumenterà i rischi di nuove debacle durante una nuova fase di difficoltà dell'economia.

Il voto della Camera, dopo quello già avvenuto in marzo al Senato, è stato in realtà bipartisan, 258 contro 159, con un gruppo di democratici che ha votato con i repubblicani. Il progetto di riforma è stato infatti ammorbidito rispetto a iniziali idee repubblicane di strappare gran parte della Dodd Frank. Anche con la nuova riforma restano in vigore, ad esempio, poteri d'intervento d'emergenza del governo e limiti per i derivati. Per il Presidente Donald Trump, che firmerà rapidamente la legislazione, si tratta tuttavia di una vittoria significativa, che tiene fede a una delle sue promesse elettorali dopo aver apostrofato Dodd Frank come uno degli atti di eccesso di intervento governativo durante l'amministrazione di Barack Obama.

Più in dettaglio, meno di dieci grandi banche con oltre 250 miliardi di dollari in asset dovranno in futuro essere sottoposte alla supervisione più draconiana della Federal Reserve e dei suoi stress test annuali, perché considerate di «importanza sistemica». La soglia di asset per le regole più severe era finora di 50 miliardi. Tra i 50 e i 100 miliardi di asset gli istituti saranno del tutto esenti da rafforzati controlli della Fed, mentre tra i cento e i 250 miliardi la Fed avrà discrezione di decidere una maggior supervisione prudenziale. Le banche con meno di dieci miliardi di asset, e con trading asset e liabilities inferiori al 5% delle attivita' consolidate, saranno inoltre esentate dal rispetto della Volcker Rule, che mette al bando il trading proprietario.

Le due posizioni opposte sulla contro-riforma sono state espresse dallo Speaker repubblicano della Camera Paul Ryan e dalla leader dei deputati democratici Nancy Pelosi. “Le nostre piccole banche sono il motore della crescita”, ha detto Ryan affermando che ora saranno piu' libere di agire. “E' una cattiva legge camuffata da aiuto a banche locali”, ha replicato Pelosi.

© Riproduzione riservata