Mondo

Scandalo corruzione inguaia Rajoy: crisi di governo in Spagna

  • Abbonati
  • Accedi
il premier: «non sciolgo le Camere»

Scandalo corruzione inguaia Rajoy: crisi di governo in Spagna

L’ex tesoriere del Partito popolare, Luis Barcenas, all’uscita dal tribunale di Madrid lo scorso febbraio
L’ex tesoriere del Partito popolare, Luis Barcenas, all’uscita dal tribunale di Madrid lo scorso febbraio

Mariano Rajoy sta cercando di resistere ma non è mai stato così vicino a mollare la guida del governo e anche la leadership dei Popolari. Incalzato dagli scandali di corruzione il premier spagnolo deve sostenere gli attacchi dell’opposizione di sinistra e soprattutto la sfida che gli è stata lanciata da Ciudadanos, alleato indispensabile per la sopravvivenza del governo.

Dopo la chiusura del processo sul “caso Gürtel”, che ha portato alla condanna di decine di esponenti di rilevo dei Popolari (tra i quali figure di fiducia di Rajoy come l’ex tesoriere Luis Barcenas che dovrà scontare 33 anni di carcere) e ha provato il coinvolgimento dello stesso partito conservatore nella rete di corruzione, il leader di Ciudadanos, Albert Rivera, ha spiegato che «la situazione è diventata molto grave» e che «qualcosa deve per forza di cose cambiare», arrivando a dare per finito questo governo e la stessa legislatura. Il movimento di centro-destra, nato in Catalogna per contrastare le spinte secessioniste e cresciuto velocemente agitando la bandiera della legalità contro la corruzione, ha chiesto oggi a Rajoy di convocare «elezioni anticipate nelle prossime settimane». «La lesgislatura è finita», ha dichiarato, per chiarire ogni dubbio, il segretario generale di Ciudadanos, José Manuel Villegas.

La sfida di Ciudadanos al governo Rajoy
Rivera è diventato da tempo un alleato scomodo per Rajoy: il giovane leader catalano ha chiesto al governo di Madrid di stroncare il fronte indipendentista che ha riconquistato la Generalitat Barcellona, mantenendo il commissariamento della regione. E ha minacciato a più riprese di togliere l’appoggio al governo di minoranza nato alla fine del 2016, dopo due tornate elettorali e uno stallo durato più di dieci mesi. Rivera sta inoltre cercando di sfruttare in pieno il vento del consenso che lo ha spinto, almeno nei sondaggi, a diventare il primo partito: le ultime analisi di Metroscopia sulle intenzioni di voto degli spagnoli mostrano infatti un forte calo del Partito popolare e dei Socialisti (rispettivamente al 19,5% e al 19%) superati dai due movimenti emergenti Podemos a sinistra (19,8%) e appunto Ciudadanos che avrebbe superato il 29 per cento. E anche nel dibattimento che sta portando all’approvazione della Finanziaria, Ciudadanos ha fatto intendere di stare ormai stretto nel ruolo di «fedele amico di Rajoy». Rivera e i suoi stanno valutando in queste ore se andare allo scontro finale togliendo i voti al governo o presentando una mozione di sfiducia.

La mozione dell’opposizione di sinistra
In mattinata è stato invece il Partito socialista a presentare una mozione di censura contro il premier conservatore, un’iniziativa simbolica e senza effetti sulla vita del governo in carica poiché l’opposizione di sinistra, anche sommando i deputati di Podemos, non ha la forza in Parlamento per far dimettere Rajoy. Il segretario socialista, Pedro Sanchez, ha denunciato la «situazione istituzionale gravissima» provocata dalla sentenza dell’Audiencia Nacional e si è candidato a formare un «governo del Psoe, con una agenda sociale» per portare il Paese a nuove elezioni.
Il processo sul “caso Correa” o “caso Gürtel”, ha provato l’esistenza di una rete di corruzione diffusa soprattutto nelle regioni di Madrid e Valencia con intrecci tra politica e affari, fondi neri, appalti truccati, appropriazioni indebite come mai si erano visti nella storia democratica spagnola. E si è chiuso con condanne per 351 anni di carcere complessivi a 29 dei 37 imputati, molti dei quali hanno avuto responsabilità o sono stati vicini al Partito popolare.

Rajoy non ha alcuna intenzione di cedere
Rajoiy, chiamato in causa dalle deposizioni degli imputati, ha sempre negato ogni coinvolgimento e anche ieri ha reagito con indignazione agli attacchi dei Socialisti e di Ciudadanos.
In una conferenza stampa improvvisata al termine della riunione settimanale del governo, Rajoy ha criticato il socialista Sanchez: «La mozione di sfiducia dei Socialisti - ha detto - è cattiva per la Spagna, va contro la stabilità del Paese e serve solo a Pedro Sanchez che vuole diventare presidente del governo a qualunque costo, con l’appoggio di chiunque, compresi i partiti separatisti». Ha poi chiarito di non avere alcuna intenzione di farsi da parte e ha detto di puntare ad arrivare al termine della legislatura nel 2020: «Per quanto dipende da me, tutte le legislature durano quattro anni, sciogliere le Camere è una mia esclusiva prerogativa», ha affermato, rispondendo così anche a Ciudadanos.
È del tutto improbabile che Ciudadanos affianchi la sinistra nella mozione di sfiducia al governo in carica. Ma la sfida di Rivera a Rajoy è appena iniziata e avrà di certo conseguenze sulla stabilità politica spagnola nei prossimi mesi.

© Riproduzione riservata