Mondo

Alluvioni in Giappone, rinviata la firma del libero scambio con la Ue

  • Abbonati
  • Accedi
accordo rimandato

Alluvioni in Giappone, rinviata la firma del libero scambio con la Ue

A causa dei disastri provocati dalle piogge torrenziali in Giappone – che hanno causato almeno 126 morti – la firma ufficiale dell'Economic Partnership Agreement e dello Strategic Partnership Agreement ( un accordo rafforzato di libero scambio e una intesa politica complessiva) tra Unione Europea e Giappone non avverrà l'11 luglio a Bruxelles, ma il 17 luglio a Tokyo.

Il premier Shinzo Abe ha infatti cancellato il viaggio che l'avrebbe portato a Bruxelles, con tappe successive a Parigi e in Medio Oriente, al fine di supervisionare le operazioni di soccorso nelle regioni occidentali e meridionali del Paese duramente colpite dal maltempo. Almeno 11 mila persone sono ora ospitate in centri di soccorso in 15 prefetture, mentre le raccomandazioni delle autorità pubbliche per evacuazioni interessano 1,8 milioni di persone. Particolarmente colpite le aree di Hiroshima e Okayama, più alcune province del Kyushu.

«L'Ue è pronta ad aiutare e fornire assistenza al Giappone», e «sta al suo fianco in piena solidarietà in questo momento difficile», ha detto il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker nel corso di una teleconferenza con Abe, durante la quale ha concordato il rinvio delle firme. Sia Bruxelles che Tokyo auspicano che l'accordo di libero scambio possa entrare in vigore, dopo le ratifiche, prima della Brexit, ossia entro la fine del primo trimestre del 2019. La nuova tempistica e località della cerimonia è agevolata dal fatto che il 16-17 Juncker e altre autorità europee si troveranno a Pechino per il summit annuale con la Cina.

“Profonda solidarietà al Primo Ministro Abe Shinzo e al popolo giapponese, impegnati in queste ore contro piogge torrenziali che funestano il Paese. Cordoglio per le vittime e i dispersi, Italia è al fianco del Giappone ed è pronta a prestare tutto l'aiuto necessario”, ha twittato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

© Riproduzione riservata