Motori24

Tucano Urbano Straforo, la giacca in pelle che va bene anche con il caldo

TEST ABBIGLIAMENTO

Tucano Urbano Straforo, la giacca in pelle che va bene anche con il caldo

È uno dei capi preferiti dai motociclisti: la giacca in pelle, oltre a proteggere bene, ha anche il fascino di un indumento evergreen, da quando Marlon Brando la indossò nel film “Il selvaggio”. L'altro lato della medaglia è però la pesantezza: indossare una giacca in pelle per un giro in moto d'estate può diventare una vera prova di resistenza, per via del caldo. Per chi non vuol rinunciare alla pelle a favore di capi traforati in queste settimane di afa, Tucano Urbano ha ideato Straforo (329 euro, dalla 46-S alla 56-3XL), una giacca di taglio motociclistico che unisce i pregi della pelle a quelli dei capi estivi traforati. L'abbiamo provata per qualche settimana: ecco com'è andata.

L’etichetta del Tucano Urbano

Pelle mista. Partiamo dall'etichetta che riporta la composizione del materiale: il tessuto esterno è in pelle, per l'80% di agnello (più morbida, copre la zona del torace), e per il 20% di vitello (più resistente, per spalle e gomiti); la fodera traforata interna è 100% poliestere e costituisce una separazione tra la pelle della giacca e la… propria pelle: è dunque un elemento chiave per il comfort. Inoltre, la giacca dispone anche di una leggera imbottituta amovibile, che si è rivelata molto utile la sera o quando la temperatura scende (magari per un giro in montagna). A proposito di quest'ultima segnaliamo un pregio e un difetto: le maniche terminano con un polsino elastico per impedisce all'aria di entrare, ma non ripropone la tasca interna presente nella giacca; quindi, inserito il trapuntino, non avremo più un (comodo) accesso alla tasca interna, posta sul lato destro. A proposito di tasche, oltre alle due classiche esterne, chiuse da una zip, ne abbiamo una interna sul petto (tipo Napoleone), resa stagna per proteggere portafogli o cellulare in caso di pioggia, e sempre dotata di zip. All'interno, sulla destra, troviamo un'ampia tasca costituita da una leggera fodera.

Protezioni e visibilità. La Straforo dispone di protezioni omologate Ce in D3Otm (un materiale che assorbe gli urti) livello 1 su gomiti e spalle, e della tasca per la protezione sulla schiena, da acquistare a parte. Sul fronte visibilità, di vitale importanza per chi va in moto, troviamo l'inserto rifrangente fisso sul collo e le linguette rifrangenti montate a scomparsa sui polsi (si fanno rientrare quando non servono). Nota importante sotto il profilo estetico: gli inserti non sono arancioni come d'abitudine ma di colore nero, e non rovinano il fascino del capo in pelle.

La prova sul campo. Nella prova su strada, la Straforo ha soddisfatto le nostre aspettative anche nelle giornate più calde: la superficie traforata è ampia (è presente sia sul busto sia sulle braccia) e consente, in viaggio, di rinfrescarsi con l'aria che, punto centrale, non arriva mai a gonfiare la giacca provocando fastidiosi svolazzi. Altri dettagli denotano lo studio alla base della Straforo: la presenza di cerniere e di una striscia di pelle con due automatici sui polsini (si regolano gli automatici e poi si aprono solo le cerniere); il tessuto interno a contatto con il collo non è pelle ma un fresco sintetico; la zip centrale è dotata di due cursori e si apre sia in alto sia in basso: chi non è un habitué della palestra (cioè ha un po' di pancia) può così aprire dal basso la zip e non sentirsi costretto dalla giacca; infine, la zona vita è regolabile con strisce di pelle con due automatici ciascuna e c'è una striscia di chiusura con un automatico alla base della zip centrale: è posto all'interno per non lasciare segni sul serbatoio. Difetti non ne abbiamo riscontrati nella Straforo, se non quello insito nella natura stessa di capo traforato: in caso di pioggia, infatti, è necessario avere con sé una giacca impermeabile da indossare sopra, pena un rapido inzuppamento.

© Riproduzione riservata