Motori24

Porsche Carrera 911 Gts, una sportiva che legge nel pensiero

PROVE

Porsche Carrera 911 Gts, una sportiva che legge nel pensiero

La 911 Gts è offerta con carrozzeria Coupé, Cabriolet e anche nell'edizione Targa ci sono le versioni «4» a trazione integrale
La 911 Gts è offerta con carrozzeria Coupé, Cabriolet e anche nell'edizione Targa ci sono le versioni «4» a trazione integrale

CAPETOWN - Non ci sono soltanto più cavalli e più coppia a far sì che la Porsche 911 Carrera Gts possa essere considerata la «macchina perfetta» (o quasi), quella che ti permette di andare forte (anche molto, anzi moltissimo, e in assoluta scioltezza), ma che si fa guidare con serenità tutti i giorni in mezzo al traffico convulso di una metropoli e non ti affatica neanche dopo aver macinato tanti chilometri. Siamo andati a conoscere le nuove Gts in Sudafrica, in pista nel piccolo, ma divertente, circuito di Killarney, vicino Capetown, e in strada.

La variante Gts della seconda serie della «991» (per voler utilizzare la sigla interna della Casa di Stoccarda) monta un’edizione potenziata del boxer tre litri adottato sulle 911 dallo scorso anno. Il flat six biturbo ora eroga, grazie anche a turbine riprogettate, 450 cavalli (cioè 20 in più rispetto alla vecchia Gts e ben 30 cavalli in più delle “normali” Carrera S). E ci sono anche 550 Nm di coppia disponibili tra 2.150 e 5.000 giri e questo regala sempre tanta, tantissima, spinta e grande prontezza di risposta.

La Gts è offerta anche con trazione integrale (Carrera 4 Gts ), ma va detto che anche le versioni con trazione posteriore utilizzano il telaio delle “4x4” con carreggiate allargate a vantaggio della stabilità in curva e della riduzione del rollio. La gamma prevede cinque modelli con carrozzeria Coupé, Cabriolet e Targa (quest’ultima sono con in versione «4 Gts»).

Il cambio di serie è il manuale a sette rapporti, ma è consigliabile optare per il famoso automatico a doppia frizione Pdk (Porsche Doppelkupplung), che costa oltre 4.200 euro.

Di serie (sulla Coupé) c’è il sistema Pasm (Porsche Active Suspension Management) per la gestione intelligente delle sospensioni, capace di abbassare la vettura di 10 millimetri per una maggiore aderenza al suolo e precisione in curva.

Inoltre, quattro ruote sterzanti (optional) rendono la sportiva di Zuffenhausen «telepatica» nei cambi di direzione. E non è poco per una sportiva di razza e dalle prestazioni di rilievo come l’accelerazione fulminea. Nella versione Carrera 4 Gts accelera da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi, grazie anche al pacchetto Sport Chrono (di serie) che abilita quattro modalità di guida (Normal, Sport, SportPlus e Individual) che, attivabili con un comando integrato sul volante, agiscono anche sulla risposta del cambio Pdk. E non manca il launch control.

Al volante la 911 Gts sa essere divertente ed emozionante, con un comportamento prevedibile in ogni condizione, quasi come se la vettura fosse in grado di leggere nel pensiero e di capire i desideri del pilota. Un comportamento lontano anni luce dalle ultra bisbetiche «neunhundertelf» del passato. Anche il comfort non è da meno e qui si fanno apprezzare i sedili sportivi Plus di serie con regolazione elettrica a quattro vie che permettono di trovare subito la giusta posizione di guida e di modificarla velocemente.

La gamma Gts, con la Targa e la Cabrio e le varianti integrali, offre un ventaglio di utilizzi ed emozioni diverse alle quali certo non sono estrenei l’appagante sound del motore e un look sportivo al punto giusto con particolari racing come i cerchi da 20 pollici con fissaggio monodado o il paraurti specifico.

La tedesca non delude neppure sotto il profilo della tecnologia di bordo, visto che in plancia è incastonato il sistema di infotainment connesso con navigatore battezzato Pcm, alias Porsche Communication Management con navigatore e hot spot wi-fi. Si basa su display da 7” multitouch (si comanda come uno smartphone tablet). La 911 Gts offre una vera chicca hi-tech: l’app Porsche Track Precision che consente di registrare automaticamente i dati di guida (ricavati da un modulo specifico) sullo smartphone e di visualizzarne graficamente l’analisi. Purtroppo è disponibile solo per iPhone.

Il listino spazia da quasi 130 euro della Coupé per arrivare ai 150mila euro della Carrera 4 Gts, ma il conto può aumentare parecchio, accendendo alle personalizzazioni e agli optional come, per esempio, i freni carboceramici, che costano quasi 9mila euro.

© Riproduzione riservata