Motori24

Dossier L’auto andrà dal guidatore: Bosch e Daimler studiano la guida…

    Dossier | N. 39 articoliSpeciale auto che guidano da sole

    L’auto andrà dal guidatore: Bosch e Daimler studiano la guida completamente autonoma

    Bosch e Daimler stanno lavorando in sinergia per dare un contributo concreto allo sviluppo della mobilità autonoma e alla circolazione dei veicoli senza conducente. Le due aziende hanno raggiunto un accordo allo scopo di rendere possibile il lancio di un sistema di guida totalmente autonomo (SAE-Level 4) e la circolazione di veicoli senza conducente (SAE-Level 5) nelle strade urbane entro l'inizio della prossima decade.

    Lo sviluppo di questa collaborazione mira a rendere possibile il lancio di un sistema di guida totalmente autonomo e la circolazione di veicoli senza conducente entro l'inizio del prossimo decennio.
    Gli obiettivi includono lo sviluppo e il lancio di un sistema pronto per essere utilizzato sui taxi con pilota automatico e in grado di funzionare nel traffico urbano.

    L'obiettivo è lo sviluppo congiunto di software e algoritmi atti alla creazione di un sistema di guida autonoma. Il progetto potrà contare sulla competenza di Daimler – unita alla globale conoscenza di hardware e sistemi di Bosch, il fornitore leader mondiale nel settore Automotive.
    L'auto va dal guidatore
    Nel promuovere questo sistema totalmente autonomo per veicoli senza conducente per la guida urbana, Bosch e Daimler intendono migliorare il flusso di traffico urbano, implementare la sicurezza stradale e fornire un importante contributo per la mobilità del futuro. Tra le altre cose, la tecnologia migliorerà l'attrattività e la fruibilità del car sharing permettendo alle persone di ottimizzare l'impiego del tempo speso in auto e aprendo a nuove prospettive di mobilità anche per tutti coloro che non possiedono la patente.

    Il principale scopo del progetto è creare un sistema di guida pronto per la produzione che, come conseguenza, porterà a uno scenario nel quale i veicoli saranno in grado di guidare in maniera completamente autonoma nelle città.
    L'idea sottesa è che il veicolo raggiungerà il guidatore e non il contrario.
    Entro una determinata area urbana, le persone potranno agevolmente utilizzare il proprio smartphone per prenotare un'auto condivisa o un taxi urbano autonomo che giungerà nel punto desiderato e sarà in grado di trasportarle alla loro destinazione

    © Riproduzione riservata