Motori24

Così si riaccende la «spada di fuoco»

honda

Così si riaccende la «spada di fuoco»

Evoluzione sì, rivoluzione no. Cambia così l’icona sportiva Honda, la Fireblade Cbr 1000Rr, nata 25 anni fa e venduta in ben 470mila esemplari. Rifatta nel 90% delle sue parti, gioca tutto sul contenimento del peso e sull’elettronica sofisticata. Quindici kg più leggera di prima, ora 196 kg con il pieno, e 11 cv in più, 192 a 13.000 giri. Quattro cilindri in linea completamente riprogettati, carter esterni in magnesio e corpo farfallato più grosso (da 46 mm passa a 48). Silenziatore in titanio, unica sportiva di serie ad averlo. Piattaforma inerziale che lavora su 5 assi, 3 riding mode preimpostati e 2 customizzabili a piacimento. Linea aggressiva, carene meno estese che lasciano in bella vista la solidità del nuovo telaio in alluminio.

La novità è che ora c’è anche in versione Sp, più corsaiola, dotata di serbatoio in titanio, cambio assistito, sospensioni Ohlins semiattive, freni Brembo, batteria al litio e un chilogrammo in meno di peso.

In sella non smentisce la sua abitabilità, votata allo sport, ma non estremo. Messe due marce, non tradisce quello che Honda meglio di altri riesce a esprimere: il bilanciamento generale. Sembra di averla sempre guidata, è leggerissima e molto svelta a curvare, precisa nella linea e di una facilità disarmante. Poche altre supersport comunicano una confidenza così immediata. Sospensioni a punto e cambio ottimo. In pista non convincono, invece, il riparo aerodinamico, davvero scarso, l’Abs non disinseribile (efficace, ma comunque avvertibile al comando), pedane troppo avanzate e l’antiwheeling non così rigoroso. Sui saliscendi di Portimao, duro banco di prova per qualsiasi ciclistica, è stato d’obbligo pelare sempre il freno posteriore su ogni scollinamento.

Passando alla Sp, invece, si apprezza subito la taratura delle sospensioni di maggior sostegno e la sua efficacia, insieme a freni decisamente più aggressivi. Questa versione porta al debutto anche un nuovo tipo di regolazione, non più specifica sulla corsa di forcella e ammortizzatore, ma sul loro lavoro generale nelle tre fasi della curva: ingresso, percorrenza e uscita. Una bella semplificazione per i piloti meno esperti. Sempre sulla Sp è stato possibile provare l’efficacia del cambio rapido, davvero encomiabile per precisione e, di conseguenza, divertimento nell’utilizzo.

Infine, i prezzi, nota dolente, perché la base costa circa 19mila euro (18.800 per la precisione) e la Sp 23.600. Honda ha saputo rinnovare se stessa e, cosa quasi impossibile, alzare l’asticella di un bilanciamento già prima perfetto, ma il portafoglio se ne accorge.

© Riproduzione riservata