Motori24

L'automobile del futuro? Sarà il terzo spazio digitale

INNOVAZIONE

L'automobile del futuro? Sarà il terzo spazio digitale

Dopo la casa e il posto di lavoro, il terzo spazio digitale, in un futuro poi non molto lontano, sarà l'automobile. Una “macchina” connessa, personalizzabile e autonoma, ma sempre pronta a soddisfare ogni esigenza del guidatore e che renda ogni viaggio il più piacevole possibile, sicuro e soprattutto connesso. Questo è quanto si prefigge Bosch, con un sistema altamente tecnologico, composto da una serie di display intelligenti, telecamere e sensori gestiti da un'interfaccia utente innovativa. Il tutto è installato su un concept chiamato show car, dove è possibile toccare con mano quello che ci attende nel futuro della mobilità sulle quattro ruote.

Una volta saliti sulla show car, un telecamera riconoscerà il conducente e regolerà in totale autonomia la posizione del volante, dei sedili, lo specchietto e anche la temperatura. Sul display verranno visualizzate l'agenda con gli appuntamenti, mentre in sottofondo si potrà ascoltare la musica preferita. La destinazione verrà già preimpostata da casa, e il sistema di navigazione sarà già pronto per condurci a destinazione. La telecamera, una volta in viaggio, terrà sotto controllo lo stato di forma del guidatore, e se il movimento delle palpebre comincia a rallentare, il sistema emetterà un avviso che probabilmente si sta per verificare un colpo di sonno. Inoltre, il sistema di rilevazione della stanchezza del guidatore controllerà costantemente il comportamento di guida in modo da potere intervenire direttamente in caso di movimenti bruschi che lasciano presagire un elevato grado di stanchezza del conducente.

Cuore delle tecnologia è la Human Machine Interface (HMI), l'anello di congiunzione tra l'auto e il conducente, e che renderà ogni veicolo un assistente personale pronto a risolvere ogni problema. Altra novità che vedremo tra un po' di anni sarà il controllo delle funzioni tramite gesti e feedback tattile sul display. Grazie a sensori a ultrasuoni quando il conducente compirà un gesto nell'area registrata dalla telecamera, potrà, ad esempio, rispondere a una chiamata in arrivo, cambiare la canzone che il sistema sta riproducendo e così via, il tutto senza toccare il display. È chiaro come questo renda ancora più sicura la guida, che diventa immune da distrazioni, consentendo di avere sempre gli occhi ben fissi sulla strada. Sempre per diminuire le distrazioni durante la guida, i display del futuro saranno sensibili al tocco e inoltre daranno una risposta a vibrazione ogni qualvolta saranno toccati e verrà attivata una determinata funzione.

La guida autonoma sarà uno dei cardini sui cui si poggerà l'automobile del futuro. Secondo uno studio Bosch “Connected car effect 2025”, la guida autonoma potrebbe consentire alle persone che passano al volante molte ore al giorno, di usarne circa 100 all'anno per altre attività. Quando il sistema rileverà che è possibile passare alla guida autonoma, sempre che il conducente lo desideri, l'auto prenderà il comando in totale sicurezza e senza problemi. Il guidatore nel frattempo potrà inviare mail direttamente dall'auto, video chattare con gli amici o vedersi un episodio della propria serie TV preferita, senza doversi preoccupare di quanto avviene sulla strada. Le auto del futuro saranno connesse anche con la casa intelligente, e si potrà vedere cosa c'è nel frigo prima di rientrare a casa, o se si è lasciata una finestra aperta. In questo caso con un semplice tocco del display, tale finestra verrà chiusa da remoto. Il parcheggio nelle grandi città non sarà più un problema: grazie al servizio di community-based parking di Bosch le auto di domani offriranno dei sensori di parking assistant per segnalare alle altre auto nella zona i posti disponibili nelle vicinanze. Infine, anche la manutenzione dell'auto sarà molto semplice, visto che sarà il sistema a individuare se è necessaria una revisione e, nel caso, fissare un appuntamento con l'officina preferita, garantendo inoltre che i pezzi di ricambio necessari saranno già disponibili il giorno scelto per l'intervento.

© Riproduzione riservata