Motori24

Auto green in Italia: boom di ibride mentre le elettriche ancora ferme

MERCATO

Auto green in Italia: boom di ibride mentre le elettriche ancora ferme

Toyota C-HR
Toyota C-HR

Il mercato italiano dell'auto in aprile ha avuto un rallentamento registrando una diminuzione del 4,6% rispetto ad aprile 2016. All'interno di questo dato, ci sono segnali positivi per le vendite di auto ibride con un +53,8% che arriva a sfiorare il 3% di quota di mercato, mentre sono in calo (-2,1%) le vendite di auto elettriche.
Nel mese di aprile le immatricolazioni di autovetture sono state 160.359, un calo del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Nonostante questo segno negativo (dovuto anche ai due giorni lavorativi in meno, circa 10 punti percentuali), arrivano segnali interessanti sul fronte alimentazioni. Le immatricolazioni delle auto diesel rappresentano la maggior quota di mercato (58,3%, grazie alla richiesta delle flotte aziendali) e sono passate da 92.857 del 2016 a 92.913 nel 2017, registrando un lieve aumento dell'1,1%.

Stesso discorso per l'alimentazione a Gpl che raggiunge una quota di mercato del 6% e vede le vendite aumentare dalle 9.541 del 2016 alle 9.725 del 2017: una crescita dell'1,9%. Mentre in calo sono le immatricolazioni delle auto a benzina con un -15,5 (da 59.925 a 50.65) e un calo della quota di mercato che raggiunge solo il 31,5%. Ma l'interesse generale è per l'aumento della quota di mercato delle auto ibride che raggiunge il 2,9%.

Un dato registrato grazie alle 4.675 auto immatricolate, il 53,8% in più rispetto allo stesso periodo nel 2016, quando si erano fermate a 3.040. I segnali positivi dell'ibrido sono confermati dall'andamento nei primi quattro mesi dell'anno, con una quota di mercato che passa dall'1,9% del 2016 all'attuale 2,8%. Sul fronte elettrico, invece, la situazione è piuttosto stabile, con una quota di mercato ferma allo 0,1% anche se con una diminuzione del 2,1%: nel mese di aprile 2017 sono state immatricolate 94 auto e nell'aprile 2016 erano 96.


Da segnalare che tra i costruttori di auto ibride c'è solo una casa europea: Bmw con la serie 2. A farla da padrone sono le asiatiche, in particolare Toyota che si aggiudica le prime quattro posizioni con Yaris, C-HR, Auris e Rav 4.

© Riproduzione riservata