Motori24

Punta sull’hi-tech la Serie 5 formato famiglia

station wagon

Punta sull’hi-tech la Serie 5 formato famiglia

La metamorfosi della Bmw Serie 5 Touring segue quella della berlina. Arriva, quindi, sulla scena proponendo tante novità, molte delle quali hi-tech e tali da permetterle di condividere con la consanguinea il primato di essere la più tecnologica delle Bmw, e con una personalità d’impronta più sportiva rispetto a quella della progenitrice. Inoltre, la nuova edizione della familiare bavarese incrementa le funzionalità, che hanno permesso alle precedenti di ritagliarsi un posto di spicco fra le station wagon premium di grossa taglia, proponendole in una famiglia meno densa rispetto al passato, ma nuova da cima a fondo e che offre inedite possibilità di configurazione.

Tutti questi fattori fanno da corollario a quelli che determinano la personalità della nuova 5 Touring, ovvero lo sviluppo della parte posteriore che s’abbina ai lineamenti base della famiglia, generando una silhouette slanciata. Il risultato finale non proietta questa robusta Bmw tra le station wagon più capienti del settore, poiché la volumetria della zona di carico, come sempre accessibile sia attraverso il portellone a movimentazione elettrica sia sollevando solamente il lunotto, varia da 570 a 1.700 litri. Tuttavia, la reinterpretazione della 5 Touring porta in dote l’abbattimento degli schienali del divano posteriore tramite interruttori nella zona di carico e un sottofondo capace d’alloggiare anche il tendalino coprivano che, dal canto suo, quando è montato segue fedelmente i movimenti del portellone. Ma non è tutto, poiché l’intreccio fra l’impiego dell’architettura modulare Clar insieme al passo che rasenta i 3 metri e agli effetti del nuovo linguaggio stilistico generano un abitacolo che posteriormente offre la quantità di spazio che ci si aspetta da un’auto lunga cinque metri, anche se ospita adeguatamente due persone a causa dell’ingombro del tunnel della trasmissione, e agevolmente accessibile anche in questa zona.

L’ambiente rispecchia per aspetto, impostazione e realizzazione quello della Serie 5 berlina e integra, di serie o a richiesta secondo le versioni, tante avanzate tecnologie, fra le quali rientrano anche il sofisticato sistema d’infotainment con comandi touch, vocali e gestuali, che può arrivare ad avere un display da 10”25 gestibile come un tablet, e l’estensione della connettività. Insieme incrementano sia l’interazione uomo-macchina sia quella con l’esterno.

La nuova famiglia della 5 Touring, al momento, è formata dalle turbodiesel 520d da 190 cv e 530d nella declinazione anti-superbollo con 249 cv e in quella da 265 cv, nonché dalla 540i a benzina da 340 cavalli. È offerta, eccezion fatta per ora per la versione meno potente, anche con la trazione integrale abbinabile al sistema di sterzatura del retrotreno, oltre che negli allestimenti Business, Sport, Luxury ed M Sport, a prezzi che vanno da 53.350 a 75.350 euro.

Candidata a una carriera nelle flotte azindali, in Italia - va da sé - la più richiesta 5 Touring sarà la 520d, l’unica del lotto per la quale il cambio automatico a 8 marce è a richiesta, proprio come il retrotreno sterzante e la gestione elettronica delle sospensioni. Queste ultime, su tutta la famiglia, posteriormente sono integrate da elementi pneumatici per conciliare il rapporto fra carico e comportamento. Con questo corredo la 520d Touring è a proprio agio su ogni tipo di percorso, risulta sempre confortevole grazie anche all’efficace coibentazione dell’abitacolo e, all’occorrenza, premia pure la gradevolezza della guida, sfruttando la logica più estrema del sistema di configurazione vettura che fa emergere un temperamento incisivo.

© Riproduzione riservata