Motori24

C3 Aircross, il Suv compatto secondo Citroën

SPORT UTILITY

C3 Aircross, il Suv compatto secondo Citroën

La nuova Citroën C3 Aircross si presenta all'ombra della Torre Eiffel. Dopo la concept car C-Aircross svelata all'ultima edizione del Salone di Ginevra, il marchio del Double Chevron ha scelto la capitale francese per mostrare in anteprima il nuovo Suv compatto. Se per vederla sulle strade italiane si dovranno attendere ancora diversi mesi, le prime consegne sono previste entro la fine del 2017, la C3 Aircross arriverà nelle concessionarie italiane con lungo elenco di personalizzazioni e grande attenzione alla funzionalità e connettività.

C3 Aircross, dimensioni
Qual è la lunghezza ideale di un Suv compatto? Secondo Citroën è 4,15 metri, misura della nuova C3 Aircross. Larga 1,76 metri, alta 1,64 m e con un passo di 2,60 metri, la novità francese già a prima vista mostra delle dimensioni ideali per chi cerca spazio interno abbinato alla necessità di parcheggiare in città. Esteticamente ritroviamo il nuovo corso stilistico realizzato da Citroën, a partire dal frontale largamente condiviso con la nuova C3. Le novità riguardano ovviamente la maggiore altezza da terra si 20 mm e un lungo elenco di protezioni in plastica, a sottolineare la voglia di affrontare anche strade non asfaltate. Come tradizione la personalizzazione è ai massimi termini, con ben 85 abbinamenti cromatici disponibili. Si parte con le otto colorazioni per la carrozzeria (Natural White, Ink Black, Misty Grey, Cosmic Silver, Passion Red, Breathing Blue, Soft Sand, Spicy Orange), 3 tinte per il tetto (inkBlack, NaturalWhite, SpicyOrange) e 4 pacchetti colore (Orange, Grey, Natural White, Black). Addio invece agli Airbumb, le protezioni in plastica sulle fiancate introdotte dalla Cactus.

Interni, modularità e connettività
Salendo a bordo si viene accolti dal grande schermo touchscreen 7 pollici a centro plancia, da cui gestire il sistema d'infotainment con navigazione Connect Nav e le principali funzionalità della vettura come la climatizzazione. Sul fronte della connettività non manca la funzione Mirror Screen, compatibile con i protocolli Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink. Altra novità arriva dall'Head Up Display e dalla ricarica wireless per smartphone con vano dedicato nella console centrale. Gli interni della C3 Aircross mostrano una grande modularità, con i sedili posteriori ribaltabili, frazionabili 2/3- 1/3 e in grado di scorrere in modo indipendente per 150 mm. Grazie a questa possibilità il vano di carico parte da 410 litri e arriva fino a 520 viaggiando con cinque persone a bordo. Abbattendo i sedili posteriori la capacità sale a quasi 1300 litri e, in caso di oggetti lunghi, il sedile posteriore può essere reclinato in avanti garantendo una lunghezza massima di carico pari a 2.40 metri. Arriva anche il tetto apribile panoramico in vetro. Passando alla personalizzazione interna sono disponibili, oltre a quello di serie, 4 diversi ambienti (Metropolitan Grey, Urban Red, Hype Mistral e Hype Colorado) caratterizzati ognuno dall'utilizzo di diversi materiali come pelle e tessuto pied-de-poule.

Il Grip Control migliora la trazione
Anche se si tratta di un Suv compatto, la novità francese non rinuncia alla guida in fuoristrada. Oltre alla maggiore altezza da terra, la nuova C3 Aircross potrà fare affidamento sul sistema antislittamento Grip Control. Già apprezzato su molti modelli Psa, è in grado di offre una miglior motricità in base al terreno affrontato. Selezionabile sui livelli Standard, Sabbia, Fuoristrada, Esp Off, è abbinato anche alla funzione Hill Assist Descent capace di mantenere automaticamente la velocità a 3 km/h in caso di forti pendenze. Passando alle motorizzazioni, partendo dalle unità a benzina, si potrà scegliere tra tra i PureTech da 82, 110 (anche con cambio automatico EAT6) e 132 cavali. Passando alla C3 Aircross diesel, l'offerta comprenderà al momento del lancio le unità BlueHdi da 100 e 120 cavalli entrambe con cambio manuale. Per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida arrivano a 12, tra cui non mancano il riconoscimento della segnaletica stradale e il Park Assist.

© Riproduzione riservata