Motori24

Plancia tutta digitale con il display doppio

L’HI-TECH A BORDO

Plancia tutta digitale con il display doppio

Parlare di hi-tech a bordo, come se fosse un corpo estraneo rispetto al resto dell’auto, nel caso della Velar è fuorviante. Come si legge nell’articolo a lato, la tecnologia digitale e dei display touch è parte integrante e caratterizzante della nuova Range Rover, che in questo senso ridefinisce i paradigmi delle interfacce utente automobilistiche.

Il sistema Touch Pro Duo che debutta sulla Velar è composto da due schermi. Quello superiore, che si inclina all’accensione della vettura (con un angolo che può essere anche regolato) visualizza principalmente il navigatore, mentre quello inferiore, su quale sono incastonate manopole rotative fisiche ma “virtualizzate” è la vera console di comando della vettura e permette di governare, per esempio, la climatizzazione, il massaggio dei sedili o le modalità del Terrain Response.

Inoltre, ci sono pulsanti capacitivi la cui illuminazione muta colore quando vengono premuti. Anche i satelliti sul volante montano comandi capacitivi. L’intero sistema è abbastanza intuitivo ma occorre un periodo di apprendistato per comprenderne la logica e padroneggiare i comandi senza distrarsi.

Dal punto di vista hardware, il sistema è basato su un processore quad core Intel ed è disponibile anche un Ssd da 60 GB per la musica. A bordo ci sono, oltre a un pletora di porte Usb, anche un router wi-fi e l’intera Velar è una connected car. L’integrazione con gli smartphone non contempla la compatibilià con CarPlay e Android Auto ma è attuata attraverso il software proprietario InControl Apps che “replica” app compatibili per iOS e Android come, per esempio, Spotify.

© Riproduzione riservata