Motori24

La sfida globale per il futuro del settore

Mobilità e Tech

La sfida globale per il futuro del settore

(Bloomberg)
(Bloomberg)

L’ingresso di Fca nel consorzio tecnologico di Bmw, Intel e della controllata Mobileye riaccende un faro sulla guida autonoma e conferma che il suo sviluppo passa da partnership tra costruttori di auto e aziende hi-tech. Fra queste spiccano Google (Waymo) che da anni conduce test per l’autonomous driving, il chip maker Nividia, la citata Intel, Bosch, mentre Apple non ha fatto nulla di concreto al di là delle manifestazioni di interesse da parte di Tim Cook e del progetto Titan in realtà mai annunciato ufficialmente. Tra le aziende hi-tech impegnate c’è Samsung che è entrata nell’auto digitale comprando l’americana Harman per 8 miliardi di dollari. Non sono mancate però le «sparate» mediatiche come l’auto che guida da sola di Uber.

Tornando con i piedi, anzi le ruote per terra occorre dire a chiare lettere che l’auto senza guidatore (e volante) è una sorta di chimera tecnologica. Non avremo (se le avremo) auto robot prima di qualche decennio e che attualmente la prospettiva è tutta nello sviluppo della guida assistita o fortemente automatizzata. La Sae (Society of automotive engineers) ha stabilito cinque livelli di autonomia in una scala da 1 a 5. Attualmente sono in vendita vetture di livello 2 (per esempio Bmw Serie 5 e 7, Mercedes Classe E e S, Tesla Model S e X), mentre la Audi A8 (in arrivo sul mercato) è la prima con Livello 3 (automazione condizionata, primo step di automazione vera e propria).

Al di là di Tesla che ha fatto della guida autonoma un pilastro di marketing e dichiara di puntare diritto sul livello 5, cosa stanno facendo le altre case automobilistiche? Fca finora ha tenuto un approccio cauto e a gennaio ha siglato con Google un accordo di collaborazione su test condotti con il minivan Chrysler Pacifica Hybrid.

Protagonisti della guida autonoma sono soprattutto i tedeschi. Mercedes offre già vetture in grado di gestire i sorpassi (pacchetto Drive Assistance) e ipotizza un mondo di auto fortemente automatizzate partire dal 2030. La casa di Stoccarda per ammissione diretta del Ceo Dieter Zetsche ha affermato di essere sulla strada giusta per il “livello 5” all’interno di un programma battezzato CASE (Connected, Autonomous, Shared, Electric) .

Anche Bmw è in prima fila e punta per il 2025 al massimo grado di autonomia grazie anche al citato patto con Intel. Ha lavorato anche con la cinese Baidu (una partnership poi annullata) e lavora al Project i20 che darà vita a vetture elettriche superautomatizzate. Il braccio finanziario della casa di Monaco, Bmw iVentures, sta finanziando insieme a Toyota e Allianz la startup NAUTO dedita all’intelligenza artificiale.

Tra le case europee spicca Volvo che sull’auto che guida (quasi) da sola ha investito 2 miliardi di dollari e ha in listino modelli “livello 2”. La Casa svedese (gruppo cinese Geely) ha siglato anche un accordo con Autoliv per sviluppare software per le auto autonome che sarà reso disponibile ad altri marchi. Il gruppo Psa (Peugeot, Citroën, Ds e Opel) è salito da poco sul treno dell’autonomous driving e punta a popolarizzare questa tecnologia attraverso il programma Ava (Autonomous Vehicle for All cioè veicoli autonomi per tutti) che delinea la strada che dalla guida assistita condurrà alla guida autonoma entro il 2030.

Toyota lavora sulla frontiera dell’automazione e si avvia a introdurre una tecnologia denominata “guardian angel” cioè angelo custode: ed è un sistema “ibrido” in grado di prendere automaticamente il controllo della vettura solo in situazioni di pericolo

Negli Usa GM ha comprato per oltre un 1 miliardo la startup Cruise Automation e investito 500 milioni di dollari in Lyft per realizzare auto totalmente autonome ma non si è visto nulla di vicino alla produzione di serie, al pari di Ford che sta conducendo solo test.

© Riproduzione riservata