Motori24

6/10 I record al Nürburgring: la classifica delle auto più veloci…

    I record al Nürburgring: la classifica delle auto più veloci

    Il circuito del Nürburgring è diventato un banco di prova ormai obbligatorio per ogni supercar che si rispetti. Lungo gli oltre 20 chilometri dello storico circuito tedesco immerso nel bosco, ottenere il miglior tempo è sinonimo di assolute prestazioni e di grande efficienza. Il motivo dell'attenzione rivolta al tempo al ‘Ring è data dalla pecularietà del percorso, unico al mondo per la variabilità di curve, asfalto e condizioni meteo. La classifica dei 10 modelli più veloci al Nürburgring è divisa per tipologia di vettura, dalla più veloce in assoluto fino al miglior giro ottenuto da un furgone.

    6/10 I record al Nürburgring: la classifica delle auto più veloci / Lamborghini Huracán Performante - 6' 52”

    La supercar bolognese ha conquistato il tempo di auto a trazione integrale più veloce sul Nürburgring, grazie al tempo di 6 minuti e 52 secondi. Variante più estrema della Huracan, la Performante è spinta dal V10 5200 cc aspirato che offre 30 cv in più fino a 640 cv e 40 Nm extra di coppia fino 600 Nm, mantenendo la trazione integrale e il cambio doppia frizione a sette marce. Le modifiche al motore riguardano sia l'aspirazione che lo scarico, oltre ad essere previste nuove valvole in titanio. Con queste credenziali e con il 70% della coppia già disponibile a 1.000 giri, la Performante accelera da 0 a 100 km/h in appena 2,9 secondi, mentre la velocità massima è di oltre 325 km/h. Il peso della Huracan Performante è ridotto di 40 kg, per un valore di 1.382 kg con ripartizione 43/57. Oltre alla piattaforma in alluminio e in fibra di carbonio, a fare la differenza sono gli elementi in Forged Composite, un materiale che consente di ottenere forme più complesse rispetto alla fibra di carbonio ed è stato utilizzato per gli spoiler, per il cofano motore, per il paraurti posteriore e per il diffusore. Una delle novità è la Aerodinamica Lamborghini Attiva (ALA), una soluzione sviluppata dalla Casa di Sant'Agata Bolognese per sfruttare la “downforce” in funzione delle prestazioni, senza però penalizzare l'efficienza.

    © Riproduzione riservata