Motori24

Citroën C3 eletta Auto Europa 2018

premio

Citroën C3 eletta Auto Europa 2018

In concorso■ ad Auto Europa 2018, il premio della Uiga, l'Unione Italiana dei giornalisti del settore automotive c'erano in totale 21 modelli tutti prodotti e anche commercializzati in Europa in almeno 10.000 esemplari, ma anche in grado di esprimere il mix migliore sia in termini di prestazioni, sicurezza, ma anche design ed economia oltre che per la sostenibilità ambientale. A prevalere alla fine è stata la nuova Citroen C3, un modello già di grande successo in particolare in Italia che rappresenta il primo mercato per numero di unità vendute in Europa, dopo la Francia. L'Italia da sempre e già a partire dal lancio della prima C3 nel 2003, è stato uno dei mercati più importanti per la compatta francese.

Ha registrato, infatti, più di 500.000 unità vendute, contribuendo in maniera importante al rinnovamento dell'immagine del marchio e al suo gradimento tra il pubblico più giovane e femminile. La nuova C3, l'ultima arrivata, con i suoi contenuti tecnici e la tecnologia innovativa è già riuscita, in pochi mesi, ad ampliare la “platea” di riferimento intercettando dei nuovi acquirenti per il brand Citroen. La “francesina” ha dovuto, però, battere la concorrenza di un'agguerrita rivale, l'Alfa Romeo Stelvio che è risultato il secondo modello più votato dai giornalisti dell'Uiga e ha preceduto in classifica, un'altra modello del Gruppo francese PSA, la Peugeot 5008. Da segnalare che nella categoria delle sportive a prevalere è stata quest'anno la Ferrari 812 Superfast che ha superato la concorrenza della Lamborghini Huracan Performante e della Porsche 911 GT3.

E' ormai dal lontano 1954 che l'Uiga si propone come un punto di riferimento in un settore quello dell'automotive che deve fare i conti con una fase di profonda trasformazione e con una passione per l'auto ai minimi storici soprattutto fra le giovani generazioni. Il successo della Citroen C3, ma anche il consenso attribuito all'Alfa Stevio dimostra, però, che anche i marchi storici dell'automobile quando sanno mettere in campo le loro migliori competenze sono in grado di intercettare l'interesse e consenso non soltanto sia degli addetti ai lavori come i giornalisti dell'Uiga, ma anche del grande pubblico degli acquirenti.

© Riproduzione riservata