Motori24

Urus, il supersuv Lamborghini verso il debutto: tutto quello che…

MADE IN ITALY

Urus, il supersuv Lamborghini verso il debutto: tutto quello che sappiamo

Si avvicina il lancio del Suv di Lamborghini, l'Urus che, infatti, sarà svelato il 4 dicembre nella storica sede del brand del Toro, a Sant'Agata Bolognese. Le ultime news di un modello che di fatto diventerà la terza “famiglia” di Lamborghini visto che andrà ad affiancarsi alle attuali Hurancan e all'Aventador, riguardano soprattutto lo stile. Come ha spiegato il responsabile delle stile del brand Mitja Borkert “Il design di una Lamborghini è sempre inconfondibile e il nuovo Urus mantiene la forte impronta della Casa del Toro.

Sono numerosi, inoltre, gli elementi della carrozzeria che si ispirano alla LM002 e alle supersportive che hanno reso leggendaria la storia del marchio”. E per quanto riguarda gli interni? “Il design è ugualmente ricco di fascino. Per far sentire il conducente un vero pilota, la posizione del sedile è bassa con dei comandi e un quadro strumenti che abbracciano idealmente il posto di guida seguendo principi ergonomici. Sempre in omaggio all'heritage Lamborghini. il tema delle linee esagonali è protagonista sia negli interni quanto negli esterni”. Quanto alle caratteristiche del powertrain dovrebbe essere il 4.000 cc V8 biturbo di derivazione Audi sia pure adeguato alle esigenze di una vera Lamborghini oltre in grado di disporre di almeno 650 cv di potenza massima. Si tratta di un'unità motrice, già impiegata in passato sull'Audi RS6, che dovrebbe garantire un impiego ideale soprattutto in previsione di un utilizzo molto versatile del Suv Lamborghini sia pure rispetto alle attuali motorizzazioni V10 e V12 di Huracan e Aventador. Il V8 di Lamborghini Urus, inoltre, sarà collocato in posizione anteriore, siamo pure orientato verso il centro per garantire un'ottimale distribuzione dei pesi.

Quanto, invece, alla scelta del telaio sembra proprio che si tratterà di un pianale già impiegato per fare da “base” sia della nuova Audi Q7 che della Bentley Bentaya. Stilisticamente, poi, il nuovo Urus dovrebbe adottare il “family-feeling” degli altri due modelli del brand Lamborghini: in particolare, la zona anteriore che dovrebbe riproporre soluzioni estetiche in grado di garantire lo stesso appeal molto aggressivo di Huracan e Aventador. Da segnalare, poi, che l'offerta di gamma dell'Urus, stando a quanto anticipato di recente anche dall'amministratore delegato del brand Lamborghini, Stefano Domenicali, non dovrebbe comprendere alcuna variante turbodiesel. In linea con le nuove strategie di altri brand del lusso che producono Suv ad alte prestazioni, la futura gamma Urus dovrebbe prevedere anche una variante a propulsione ibrida plug-in, nel qual caso il 4.000 V8 biturbo sarà ovviamente abbinato ad un motore elettrico.

E veniamo, infine, all'abitacolo della Urus: sono apparse in rete nei giorni scorsi alcune immagini “rubate”, sia pure non molto chiare, dell'abitacolo del Suv Lamborghini dal quale si nota che gli interni dell'Urus sembrano essere fedeli a quanto già visto su Huracan e Aventador e dunque con un massiccio tunnel centrale, con un volante tagliato e anche con due condotti di aerazione centrali che spuntano dal rivestimento che lo rendono visivamente molto sportivo nonostante la seduta sia decisamente più alta da terra rispetto alle altre Lamborghini. Al centro dell'abitacolo è previsto, poi, l'ampio schermo del sistema multimediale e si notano anche due vani con funzione di porta bicchiere, ricavati vicino ai pulsanti e ai selettori per gestire il comportamento dell'auto. Ciò si spiega visto che anche sulla Urus sarà possibile controllare alcuni parametri dell'auto come, ad esempio, la reattività del motore, o ancora la morbidezza delle sospensioni e inoltre la velocità delle cambiate in funzione del tipo di percorso previsto, affidandosi naturalmente alle quattro diverse modalità che posso essere selezionate: Strada, Sport, Corsa, Sabbia, Terra e Neve.

© Riproduzione riservata